dalla Home

Mercato

pubblicato il 7 aprile 2009

Chrysler e A123Systems insieme per le batterie

Ufficializzata la partnership strategica per le batterie al litio

Chrysler e A123Systems insieme per le batterie

Chrysler LLC e A123Systems hanno firmato un accordo per la fornitura di batterie agli ioni di litio del tipo Nanophosphate destinate ai veicoli ENVI (da "environmental" ossia ambientali) per vetture elettriche ad autonomia estesa che la Casa americana sta sviluppando, ma anche a quelli totalmente elettrici. L'accordo formalizza quanto già si sapeva, cioè che l'azienda americana (precedentemente in lizza per aggiudicarsi anche la fornitura di batterie per la Chevrolet Volt poi andata invece alla coreana LG Chem) stava lavorando da circa 3 anni con Chrysler. Per chi non sapesse, A123System è un'azienda giovane, ma dalle basi più che solide visto che tra i suoi azionisti ci sono General Electric, MIT, Motorola, Procter&Gamble, Qualcomm e altri, garanzia di patrimonio tecnologico e finanziario di primissimo ordine.

Come altre aziende impegnate nello sviluppo di batterie al litio, la A123System ha messo a punto celle modulari prismatiche, una soluzione che dovrebbe consentire flessibilità, stabilità chimica e termica, densità di potenza, autonomia e durata. Chrysler conta di presentare la sua prima vettura elettrica ad autonomia estesa già nel 2010 e si spera che questo acceleri le economie di scala per una tecnologia che ora è oggettivamente assai costosa, ma offre prospettive inedite per la mobilità e il risparmio energetico. L'annuncio ha indubbiamente anche un valore strategico, ma anche politico visto che in gioco ci sono l'alleanza con Fiat benedetta dal presidente Barack Obama e i soldi promessi dal governo americano per risanare la Chrysler, sempre che il piano presentato stavolta da Bob Nardelli e i suoi stavolta soddisfi la task force messa in piedi dalla Casa Bianca.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Chrysler


Top