dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 30 marzo 2009

Greenbird: l'auto eolica supera i 200 km/h

Il record è stato ottenuto sul lago asciutto di Ivanpah

Greenbird: l'auto eolica supera i 200 km/h
Galleria fotografica - Greenbird: l'auto eolica supera i 200 km/hGalleria fotografica - Greenbird: l'auto eolica supera i 200 km/h
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 1
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 2
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 3
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 4
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 5
  • Greenbird: l\'auto eolica supera i 200 km/h - anteprima 6

Un'auto a tre ruote, affusolata come un missile e dotata di una grande pinna verticale ha sfruttato tutta la forza del vento per superare un primato, quello del record di velocità per veicoli spinti ed energia eolica. Il curioso "triciclo" si chiama Greenbird, ed è caratterizzato da una forma asimmetrica a L dominata appunto da questa grande e sottilissima ala verticale deputata a fungere da vela.

Al volante, o meglio a timone del Greenbird l'ingegnere Richard Jenkins ha raggiunto sulla superficie asciutta del lago di Ivanpah, negli Stati Uniti, una velocità superiore ai 200 km/h - 202,9 km/h per l'esattezza - superando di slancio il record di 186 km/h stabilito nel 1999 da Bob Schumacher.

Un bel risultato frutto di complessi studi aerodinamici e finanziato da Ecotricity, azienda inglese che produce energia elettrica da fonti rinnovabili che ha portato alla costruzione di un veicolo capace di adottare le tecnologie presenti sulle F1 e nel mondo dell'aviazione per viaggiare sulla terra ferma a zero emissioni.

E' certo che un veicolo come il Greenbird sulle nostre strade non lo vedremo mai, ma questo esperimento è significativo per capire quanto si può arrivare lontano e, nello specifico, quanto si può andare veloci applicando la tecnologia per uno sfruttamento più intelligente delle forze della natura.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Curiosità , mobilità sostenibile


Top