dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 31 marzo 2009

Revisione auto 2008: spesi 2.160,9 milioni

L'Osservatorio Autopromotec avverte: "Costi appena coperti"

Revisione auto 2008: spesi 2.160,9 milioni

La spesa complessiva per la revisione delle automobili è aumentata. Nel 2008 gli italiani hanno pagato 2.160,9 milioni di euro per far revisionare le proprie auto presso le officine private autorizzate contro i 2.038,8 dell'anno precedente (+6%). Ad incidere di più sul bilancio familiare sono state le spese per la cosiddetta attività di prerevisione (1.397,3 milioni di euro), ovvero per tutte quelle operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per mettere gli autoveicoli in condizione di superare i controlli previsti dall'art. 80 del Codice della Strada, i cui trasgressori sono soggetti a sanzioni da 143,19 euro a 572,76 euro o al fermo amministrativo del veicolo qualora il mezzo non revisionato sia colto a circolare in autostrada. 763,6 milioni di euro, invece, sono stati spesi per pagare la tariffa fissata per le revisioni.

L'aumento della spesa complessiva del 2008, secondo l'Osservatorio Autopromotec che ha elaborato i dati, è essenzialmente dovuto alla nuova tariffa per le officine private di 45 euro, entrata in vigore dal 20 ottobre 2007 e superiore alla precedente di 25,82 euro (ferma per oltre nove anni). Un prezzo che però "è appena sufficiente per coprire i costi del servizio", come si legge in una nota dell'Osservatorio, per cui "sarebbe certamente molto opportuno che, come già avviene per i centri di revisione della Motorizzazione, fosse adeguata a cadenza annuale in relazione alle variazioni dell'indice Istat del costo della vita".

La spesa per le prerevisioni, invece, è diminuita (-3,6%) perché il numero degli autoveicoli chiamati al controllo nel 2008 è stato sensibilmente inferiore a quello dell'anno precedente: le revisioni effettuate sono state infatti 11.802.084 contro le 12.719.824 del 2007. Una diminuzione che si contrappone all'aumento del numero delle officine private autorizzate ad eseguire i controlli periodici che è aumentato (+4,8%), salendo a 5.964 unità.

Nel 2008 le revisioni sono costate di più alla Lombardia, che ha speso 349,6 milioni di euro, seguita dal Lazio (196,1 milioni), dal Veneto (194,8 milioni), dall'Emilia-Romagna (174,1 milioni) e dalla Campania (172,8 milioni). Roma è la città che ha registrato la spesa maggiore (137,8 milioni), mentre Milano è al secondo posto (126,5 milioni) e Napoli al terzo ( 81,7 milioni). Fanalino di coda la Valle d'Aosta: appena 6 milioni di euro in tutto il territorio.

Presentando questi dati, l'Osservatorio Autopromotec ha inoltre lanciato due richieste per semplificare adempimenti e controlli e per facilitare gli automobilisti: che come avviene in altri paesi europei sia data evidenza al rispetto degli obblighi di revisione con un bollino sul parabrezza delle vetture e che, come avviene per il rinnovo della patente, il Ministero competente invii un avviso ai proprietari delle auto chiamate alla revisione.

Autore:

Tag: Mercato , mobilità sostenibile


Top