dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 marzo 2009

Toyota e EDF: ulteriori sviluppi per l'ibrido plug-in

Circa 100 vetture saranno cedute in leasing

Toyota e EDF: ulteriori sviluppi per l'ibrido plug-in
Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”Galleria fotografica - Toyota Prius “plug in”
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 1
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 2
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 3
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 4
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 5
  • Toyota Prius “plug in” - anteprima 6

Toyota e il Gruppo EDF, il più grande produttore di energia elettrica d'Europa, nel 2007 hanno iniziato a collaborare per lo sviluppo delle auto ibride plug-in, identificate con la sigla PHV, e dei relativi apparati di ricarica. Le prove su strada, avviate in Francia nel corso del 2007, hanno interessato nel 2008 anche la Gran Bretagna e adesso si apprestano a subire un'ulteriore intensificazione.

Dalla fine di quest'anno un centinaio di Toyota PHV equipaggiate con batterie a ioni di litio, verranno fornite in leasing per 3 anni ad alcune aziende francesi selezionate nell'area di Strasburgo. Si tratta di un'iniziativa che è stata finanziata dal Research Fund diretto dall'Ente Francese per l'Ambiente e per la Gestione dell'Energia (ADEME), in seguito alla richiesta di progetti per veicoli a basse emissioni.

L'obiettivo è quello di ridurre i tempi di sperimentazione di una tecnologia tesa a migliorare la qualità dell'aria delle nostre città grazie all'utilizzo di vetture capaci di viaggiare in modalità elettrica nei centri urbani e ad una rete di ricarica distribuita nelle strade pubbliche, nei parcheggi e presso le abitazioni dei privati.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Curiosità , Toyota , auto elettrica


Top