dalla Home

Curiosità

pubblicato il 20 marzo 2009

Ruotando all'Old Time Show 2009

Belle e robuste e, dopo tanti anni, girano ancora...

Ruotando all'Old Time Show 2009
Galleria fotografica - Ruotando all'Old Time Show 2009Galleria fotografica - Ruotando all'Old Time Show 2009
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 1
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 2
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 3
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 4
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 5
  • Ruotando all\'Old Time Show 2009 - anteprima 6

Nel corso dell'Old Time Show 2009 svoltosi a Forlì, più di un dettaglio delle bellissime auto d'epoca presenti ha finito per stregare i visitatori e ci ha indotto a porre una particolare attenzione su di una parte dell'automobile, così importante quanto spesso trascurata.
Se infatti le ruote risultano importanti al momento dell'acquisto di una vettura, quando si sceglie fra cerchi in lamiera, copricerchi e cerchi in lega per gusto estetico o per funzionalità, accade poi che si tenda a dimenticarne la presenza fino al giorno in cui non accade di dover sostituire una gomma o una ruota rovinata.

Quello che appare evidente in questo nostro excursus fotografico nella storia delle ruote per auto, dalle origini dei modelli in legno, passando per le diffuse ruote a raggi fra gli Anni '20 e '50, per arrivare alle ruote stampate in lamiera, fucinate o in fusione di lega leggera, è che si tratta di un elemento fondamentale e imprescindibile per la sicurezza, le prestazioni e l'estetica dell'auto.

Scorrendo la galleria fotografica si possono trovare le famose ruote a raggi con gallettone di fissaggio Rudge-Whitworth e i relativi cloni, le Borrani dal nobile pedigree sportivo, le prime ruote in lega a 8 razze Bugatti, oltre a Porsche, Cromodora, Minilite, Amadori, BWA, ATS, OZ, Pirelli, Campagnolo, solo per fare alcuni nomi. Chi volesse potrebbe sfidare se stesso e gli amici a riconoscere il maggior numero di ruote e relativa vettura; premettiamo che alcune di quelle montate su vecchie vetture di serie sono abbastanza facili da indovinare, mentre più difficile è il compito con i più datati bolidi da corsa.

Autore:

Tag: Curiosità


Top