dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 marzo 2009

Per J.D. Power l'affidabilità Buick e Jaguar supera Lexus

Dopo 14 anni finisce il dominio giapponese

Per J.D. Power l'affidabilità Buick e Jaguar supera Lexus
Galleria fotografica - L'affidabilità secondo il report 2009 della J.D. PowerGalleria fotografica - L'affidabilità secondo il report 2009 della J.D. Power
  • L\'affidabilità secondo il report 2009 della J.D. Power - anteprima 1
  • L\'affidabilità secondo il report 2009 della J.D. Power - anteprima 2
  • L\'affidabilità secondo il report 2009 della J.D. Power - anteprima 3

J.D. Power and Associates, società californiana specializzata in approfondite indagini di mercato, ha appena pubblicato il suo rapporto 2009 sull'affidabilità della automobili (Vehicle Dependability Study) e dalle nuove classifiche emerge subito l'assenza al primo posto di Lexus, marca che negli ultimi 14 anni è sempre risultata vincitrice.

In base ai nuovi rilevamenti le regine delle auto affidabili risultano essere a pari merito l'americana Buick e l'inglese Jaguar, seguite a breve distanza da Lexus. Lo studio J.D. Power si basa quest'anno su un campione di 46.000 clienti nordamericani di vetture MY 2006 e riporta i dati relativi a 202 tipologie di problemi riscontrabili in ogni parte dell'auto. Il punteggio in base al quale è stata stilata la classifica è chiamato PP100 (Problemi per 100 veicoli) e il suo numero basso sta a indicare una bassa percentuale di difettosità.

Buick con 122 PP100 sale dalla sesta posizione del 2008 alla prima, accompagnata da Jaguar che con lo stesso punteggio migliora di ben dieci posizioni e seguita da Lexus (126 PP100) che perde due posizioni. La classifica prosegue con Toyota (129 PP100), Mercury, Infiniti, Acura, Lincoln, Cadillac e Honda (148 PP100). Per quanto riguarda invece la classifica per singoli segmenti, Toyota piazza ben 10 vetture al primo posto in affidabilità, seguita da Ford con 4 modelli. Un altro dato interessante emerso dall'indagine 2009 riguarda il tempo medio trascorso fra l'acquisto dell'auto nuova e la sua rivendita come usato, passato da 65 mesi nel 2006 a 73 mesi nel 2009, chiaro indice di una più prudente gestione economica da parte degli automobilisti americani.

I 46.000 intervistati hanno oltretutto dimostrato di avere una diversa sensibilità a seconda del tipo di problema palesato dalla propria vettura, dichiarandosi solo nell'11% dei casi disposti a riacquistare la stessa auto in caso di problemi a motore e cambio, contro una media del 40%.

Autore:

Tag: Curiosità , Jaguar , guida all'acquisto


Top