dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 marzo 2009

Parata di Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring

Riunione di campionesse per l'avvio dell'ALMS

Parata di Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring
Galleria fotografica - Porsche da corsa alla 12 Ore di SebringGalleria fotografica - Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 1
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 2
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 3
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 4
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 5
  • Porsche da corsa alla 12 Ore di Sebring - anteprima 6

Il 21 marzo 2009 parte la nuova stagione dell'American Le Mans Series con l'ormai leggendario appuntamento della 12 Ore di Sebring e Porsche decide di presentare da subito le sue credenziali con una parata di vetture plurivittoriose che hanno fatto la storia agonistica del marchio di Stoccarda.

Con un totale di 18 vittorie assolute e 65 di classe sul Sebring International Raceway la Porsche risulta infatti essere la marca più vittoriosa nella classica di durata che si corre in Florida dal 1952. Come top model riunite in un servizio fotografico per una nobile causa, le quattro Porsche da corsa più cariche di gloria si sono disposte fianco a fianco per mostrare agli avversari e a tutti gli appassionati quale carico di tradizione agonistica possono mettere in campo.

La più giovane delle tre è la RS Spyder LMP2 vincitrice assoluta nel 2008 con Timo Bernhard, Romain Dumas ed Emmanuel Collard, scintillante nella sua livrea giallo/rossa a ricordarci che il Team Penske ha battuto lo scorso anno l'ostica concorrenza delle più potenti LMP1.
Di ventitré anni più anziana è la mitica 962, autentico asso pigliatutto delle gare endurance degli Anni '80, per la precisione l'esemplare primo a Sebring nel 1985 con A.J. Foyt, Al Unser e Bob Wollek. Con i 680 CV del suo 6 cilindri turbo di 2,85 litri, la sport prototipo Gruppo C ha poi continuato a vincere in Florida fino al 1988, dimostrando una supremazia difficilmente ripetibile.

Andando ancora un po' più indietro nel tempo si può notare la filante Porsche 935, estrema evoluzione della classica 911 dotata del solito "flat six" con 590 CV. Si tratta della vettura che ha trionfato alla 12 Ore ininterrottamente dal 1978 al 1984. Questa del 1980 è quella condotta alla vittoria da Dick Barbour e John Fitzpatrick.
Ultima, ma non meno importante è la cosiddetta "Giant Killer", la piccola 718 RS 60 che è riuscita a sconfiggere i giganti dello sport automobilistico nel 1960; in quell'anno Hans Herrmann e Olivier Gendebien sono riusciti nell'impresa di battere con la piccola spider di 1,6 litri e 160 CV il colosso Ferrari con le loro 250 TR e GT dalle cilindrate e potenze doppie.

La storica "reunion" vuole essere per Porsche anche un buon viatico per la gara ALMS del 21 marzo che vede schierate cinque GT3 RSR.

Autore:

Tag: Curiosità , Porsche


Top