dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 marzo 2009

Ford taglierà la produzione in Spagna e in Germania

Probabili ulteriori riduzioni nei prossimi mesi

Ford taglierà la produzione in Spagna e in Germania

Ridimensionare la produzione è un'impellenza per tutti i costruttori automobilistici e anche Ford, che sta affrontando la crisi meglio di altri, ha deciso di ridurre il lavoro in due stabilimenti europei perché la domanda internazionale "è calata significativamente". La Casa dell'Ovale Blu non ha comunicato a quante vetture ammonta il taglio, ma è noto che dal primo maggio si fermerà una delle tre linee di assemblaggio a Valencia dove nasce la Fiesta, la city car in testa alle vendite europee; mentre a Saarlouis, in Germania, dove nascono il C-Max e la Kuga, si continuerà a lavorare solo quattro giorni la settimana.

E questo potrebbe essere soltanto l'inizio. L'amministratore delegato della Ford Europe, John Fleming, ha ammesso che per il futuro non sono escluse altre misure del genere per contenere i costi. "Ford deve tornare ad assere in attivo il prima possibile - ha detto - Faremo tutto quello che è necessario per uscire da questa crisi". Nei primi due mesi dell'anno le vendite di Ford Europa sono scese del 21,7% a 220.000 unità, "l'unico modo per migliorare in futuro è ricorrere a soluzioni come queste", ha aggiunto Fleming, che ha detto di aver prima accuratamente valutato diverse opzioni.

In linea con le difficili condizioni di mercato, Ford ha inoltre stabilito che a Valencia si continuerà a produrre la Fiesta, mentre la nuova Focus verrà trasferita a Saarlouis e sostituita a Valencia dalla nuova generazione del C-MAX e alla fine dell'anno, sempre in Spagna, verrà avviata la produzione del nuovo motore 2.0 benzina EcoBoost. Un altro propulsore di ultima generazione e dalle dimensioni ridotte sarà invece costruito a Colonia e a Cracovia.

Autore:

Tag: Mercato , Ford , produzione


Top