dalla Home

Attualità

pubblicato il 12 marzo 2009

Marchionne: "Per Fiat combatterò come il diavolo"

L'AD del Lingotto si sfoga e attacca i colleghi pessimisti

Marchionne: "Per Fiat combatterò come il diavolo"

Sergio Marchionne è ottimista e crede fermamente nell'importanza di esserlo. In un'intervista ad Automotive News Europe, l'amministratore delegato del Gruppo Fiat ha dato sfogo alle sue opinioni sulla crisi e non ha risparmiato critiche a chi, ricoprendo il suo stesso ruolo in altri Gruppi, ha detto di prevedere perdite per l'anno 2009. "La situazione del mercato automobilistico è andata di male in peggio, ma combatterò come il diavolo per assicurare profitti al Gruppo Fiat anche quest'anno", ha detto, specificando che un "vero leader" non può demoralizzare "la truppa" con previsioni negative.

Il numero uno del Lingotto è convinto che "il primo dovere di un capo sia quello di rassicurare i propri dipendenti. Ammettere già dall'inizio dell'anno - o peggio rassegnarsi all'idea - che la società subirà delle perdite è il peggior segnale che un leader possa inviare ai suoi impiegati". Marchionne non ha fatto nomi, ma è facile ricordare che tra i suoi "colleghi" che hanno parlato di stime negative per il 2009 ci sono Christian Streiff di PSA Peugeot-Citroen e Carl Peter Forster di General Motors Europe.

Fiat ha chiuso piuttosto bene il 2008 e sta affrontando la crisi contenendo i costi e ridimensionando la produzione. Le previsioni per il 2009 sono molto incerte e per Marchionne operare in questo momento è come "procedere nella nebbia. Hai soltanto pochi metri di visibilità e così devi continuamente adattarti alle condizioni del momento". Le priorità immediate per un amministratore delegato riguardano perciò gli obiettivi di breve termine, come salvare la liquidità e rimanere in utile. Gli obiettivi a lungo temine sono infatti in via di revisione, ma la sicurezza dimostrata dal "leader" del Lingotto sta già riscuotendo buoni risultati in borsa. Il suo ottimismo ha subito ottenuto un immediato riscontro positivo sui titoli, che sono cresciuti dell'8,78% a 4,15 euro.

Autore:

Tag: Attualità , Fiat , VIP


Top