dalla Home

Mercato

pubblicato il 11 marzo 2009

Mercato auto usato: -14,04% a febbraio

L'auto di seconda mano regge meglio la crisi, ma per quanto ancora?

Mercato auto usato: -14,04% a febbraio

Il mercato dell'usato continua a dimostrare la sua buona tenuta della crisi. A febbraio, secondo i dati resi noti dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, i trasferimenti di proprietà (al lordo delle minivolture) sono stati 395.317, con un calo del 14,04% rispetto al 2008. Una contrazione che è decisamente inferiore a quella fatta registrare dal mercato dell'auto nuova, che ha chiuso con una flessione delle immatricolazioni del 24,45%. Una tendenza che era stata già evidenziata dai dati dell'intero 2008, in cui il mercato dell'usato ha fatto registrare un calo dello 0,53%, mentre il nuovo ha segnato un -13,36%.

La contrazione del mese scorso per l'auto usata è inferiore anche a quella registrata in gennaio, mese in cui i trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture hanno accusato un calo del 17,24%. A perdere di più nel mese appena trascorso sono stati i marchi Renault (-19,29%), Lancia (-18,22%) e Alfa Romeo (-18,19%), mentre sono stati più contenuti i cali di Suzuki (-3%), Honda (-6,05%) e Land Rover (-7,19%).

Le previsioni per il futuro però non sono buone. Secondo Franco Oltolini, direttore di CarNext Italia, società specializzata nella vendita di auto usate provenienti dalle flotte in noleggio a lungo termine di LeasePlan Italia, "il problema che oggi si pone per il mercato dell'usato è se la domanda e le quotazioni reggeranno all'impatto degli incentivi che determinano condizioni molto favorevoli per l'acquisto con rottamazione di vetture nuove con emissioni fino a 140 grammi al km di CO2, se a benzina, o di 130, se a gasolio, o di vetture ecologiche". Per verificare la tenuta della domanda e delle quotazioni dell'usato occorrerà aspettare, perché i dati di febbraio non sono molto indicativi da questo punto di vista. Gli incentivi sono stati adottati con efficacia retroattiva al 7 febbraio, ma con un decreto entrato in vigore soltanto alla metà del mese (11 febbraio). Perciò non hanno ancora potuto incidere sull'andamento delle immatricolazioni, tanto che il mercato del nuovo ha chiuso il bilancio di febbraio con un calo ancora pesante. "Per salvaguardare l'usato, sarebbe stato molto opportuno - ha commentato Oltolini - che il Governo avesse inserito nel pacchetto incentivi anche la rottamazione usato su usato. Un provvedimento di questo tipo era stato proposto, ma non è stato adottato".

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top