dalla Home

Mercato

pubblicato il 10 marzo 2009

Batterie agli ioni di litio: l'inizio di un'altra crisi?

L'ipotesi di un leader di mercato, "si va verso la sovrapproduzione"

Batterie agli ioni di litio: l'inizio di un'altra crisi?

La crisi non è ancora finita e c'è già chi intravede un altro crollo all'orizzonte. Il boom di auto elettriche e ibride potrebbe portare ad una sovrapproduzione di batterie agli ioni di litio, considerate le migliori per via della loro elevata densità di carica e le dimensioni contenute. A sostenerlo è Makoto Yoda, presidente della GS Yuasa, una delle più grandi compagnie del settore esistenti al mondo e partner sia di Honda che di Toyota. Intervistato dal Financial Times, Yoda ha preannunciato la possibile saturazione del mercato con una produzione eccessiva che comporterebbe il crollo del prezzo di questo prodotto.

Anche se alcuni analisti avvertono che le batterie agli ioni di litio diventeranno autentici prodotti soltanto tra 5 anni e che quindi è ancora troppo presto per valutarne l'impatto sul mercato, è un dato di fatto che la corsa allo sviluppo di automobili ad energia alternativa, promosso da molti governi, ha generato una vera e propria catena di investimenti.

Il cambio di vertici alla Sanyo Electric, società incorporata da Panasonic nel 2008 (che ha così creato il più grande polo mondiale nel settore hi-tech), sarebbe stato largamente motivato, secondo il FT, proprio dal nuovo mercato delle batterie agli ioni di litio. La Toshiba ha investito 202 milioni di dollari nella costruzione di un nuovo sito produttivo e le amministrazioni degli Stati Uniti stanno incentivando il mercato stanziando fondi pubblici da miliardi di dollari.

Autore:

Tag: Mercato , auto elettrica


Top