dalla Home

Eventi

pubblicato il 8 marzo 2009

Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2009

Doppio anniversario sulle rive del Lago di Como

Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2009
Galleria fotografica - I terminali di scarico a Villa d'Este 2008 - Villa ErbaGalleria fotografica - I terminali di scarico a Villa d'Este 2008 - Villa Erba
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 1
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 2
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 3
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 4
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 5
  • I terminali di scarico a Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 6

Dal 24 al 26 aprile 2009 si rinnoverà uno degli appuntamenti italiani più attesi da tutti gli appassionati di auto d'epoca, ma anche di design e di prototipi da salone: in quei giorni, infatti, si svolgerà a Cernobbio, sul lago di Como, l'edizione annuale del Concorso d'Eleganza Villa d'Este. Come di consueto, le giornate preliminari saranno ad invito, nello splendido parco dell'esclusivo Grand Hotel Villa d'Este, mentre la giornata di domenica è quella che permette al pubblico di ammirare - e di votare - le vetture nell'altrettanto suggestivo parco di Villa Erba.

80 ANNI DI VILLA D'ESTE, 80 ANNI DI BMW
Da un decennio, BMW è uno degli organizzatori principali dell'evento, e Villa d'Este è sempre un'ottima occasione per mostrare, ovviamente fuori concorso, concept cars inedite o automobili d'epoca in grado di illustrare l'attività e la storia del marchio. Quest'anno, tuttavia, si verificherà una coincidenza piuttosto eccezionale: il concomitante anniversario degli ottant'anni del Concorso d'Eleganza di Cernobbio, la cui prima edizione si svolse nel 1929, e gli ottant'anni dalla produzione della prima automobile BMW, la celebre Dixi, dopo l'acquisto dell'omonima ditta tedesca che produceva su licenza le inglesi Austin Seven. Il programma della manifestazione, e la qualità delle auto esposte, si preannunciano dunque di particolare pregio.

RARE BMW D'EPOCA
Urs Paul Ramseier, Selecting Adviser responsabile della scelta delle automobili che saranno sottoposte al giudizio dei giurati di Villa d'Este, ha colto l'occasione del Salone di Ginevra per anticipare i nomi di alcune delle vetture partecipanti alla manifestazione. Si comincia, innanzi tutto, con le mostre tematiche BMW, che hanno come argomento principale l'ottantesimo anniversario del marchio. Tra le vetture esposte ufficialmente dalla Casa ci saranno una BMW 303 degli anni '30, la prima con la griglia del radiatore a "doppio rene", una BMW 502 degli anni '50, detta anche "angelo barocco", alcuni veicoli degli anni Sessanta, come la BMW 2002, e del decennio successivo. In più, una carrellata delle roadster realizzate dal marchio bavarese: le capostipiti 315/1 e 319/1, la 328 degli anni '30, la 507 di Albrecht Goertz, le Z1, Z3 e Z8, fino alla recentissima nuova BMW Z4.

ALTRI GIOIELLI IN MOSTRA
Numerose le vetture di particolare rarità che saranno esposte a Cernobbio, come ad esempio la Bugatti Atlantic 57SC del 1938, l'ultimo dei tre soli esemplari disegnati da Jean Bugatti, figlio di Ettore, acquistata nel 1988 da Ralph Lauren e meticolosamente restaurata presso Paul Russel. Tra le auto italiane, sarà presente un'Alfa Romeo 8C 2900B, Berlinetta del 1938, uno dei sei esemplari mai realizzati, che torna in Italia per la prima volta dal 1947. Molto rara anche la Momo Mirage coupé 2+2 del 1972, frutto della personalizzazione di una Aston Martin DSB del 1967 ad opera di Alfred Momo del New Yorker Jaguar Garage, disegnata e costruita dal grande Pietro Frua in soli cinque esemplari, di cui tre sono rimasti di proprietà di Peter S. Kalikow che fu ispiratore dell'intero progetto. Tra le concept cars d'epoca, sarà poi esposta un'altrettanto esclusiva BMW 2800 Spicup, oggi appartenente all'olandese Roland d'Ieteren: presentata originariamente al Salone di Ginevra nel 1969, aveva carrozzeria realizzata da Bertone su pianale BMW 2500 accorciato e con motore della BMW 2800, con uno stile moderno, ma ispirato alle spider BMW dell'epoca, e in particolare alla 507 spider. Una sorta di antesignana delle moderne coupé-cabriolet, da cui il nome "Spicup", contrazione tra Spider e Coupé.

NON SOLO AUTO D'EPOCA
Uno sguardo panoramico alle concept cars esposte a Ginevra e a Parigi possono darci un'idea, in attesa dell'elenco ufficiale, della tipologia di vetture che prenderanno parte al Concorso riservato ai prototipi. Con una particolarità, che da sempre caratterizza le edizioni moderne di VIlla d'Este: le concept cars iscritte non posso essere soltanto modelli statici, ma devono per regolamento essere veicoli marcianti autonomamente...

Galleria fotografica - Villa d'Este 2008Galleria fotografica - Villa d'Este 2008
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 1
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 2
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 3
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 4
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 5
  • Villa d\'Este 2008 - anteprima 6
Galleria fotografica - Villa d'Este 2008 - Villa ErbaGalleria fotografica - Villa d'Este 2008 - Villa Erba
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 1
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 2
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 3
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 4
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 5
  • Villa d\'Este 2008 - Villa Erba - anteprima 6

Autore: Sergio Chierici

Tag: Eventi , concorsi


Top