dalla Home

Tuning

pubblicato il 7 marzo 2009

Il circo Mansory al Salone di Ginevra 2009

Quando esagerare è un'arte

Il circo Mansory al Salone di Ginevra 2009
Galleria fotografica - Mansory Bentley Continental GTC Speed a Ginevra 2009Galleria fotografica - Mansory Bentley Continental GTC Speed a Ginevra 2009
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 1
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 2
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 3
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 4
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 5
  • Mansory Bentley Continental GTC Speed al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 6

Visitando il Salone di Ginevra di quest'anno può capitare di rimanere sbalorditi di fronte a concept car e novità dal fascino magnetico presentate dai più grandi e famosi costruttori al mondo, ma può anche succedere di rimanere letteralmente stregati dallo spettacolo offerto da un elaboratore che fa dell'esagerazione una vera e propria arte.

"Venghino, signori venghino a vedere il circo Mansory!" potrebbe gridare un imbonitore d'altri tempi invitando il pubblico a visitare lo stand più inaspettato di tutto il salone. Stiamo parlando di Mansory, il tuner tedesco che da alcuni anni porta a Ginevra le trasformazioni più incredibili e sconcertanti realizzate dalla filiale elvetica Mansory Switzerland AG. A parte alcune scelte stilistiche veramente troppo azzardate per i gusti europei e chiaramente dedicate alla clientela araba, le "opere d'arte" ottenute da Mansory stupiscono per la qualità dei materiali, per le finiture impeccabili, per l'audacia innovativa di accostamenti di colori e materiali, oltre che per la perfetta padronanza nella lavorazione di fibra di carbonio e pellami pregiati.
La SLR Renovatio o la 599 GTB Stallone possono dare un'idea di cosa aspettarsi da questo tuner d'alto livello.

Lasciamo a voi il giudizio, osservando la nostra galleria di immagini o invitandovi a recarvi di persona al Palexpo, ma non c'è dubbio che Mansory riesca ormai a sfruttare gli ingenti capitali riversati dai dignitari sauditi per affinare e ampliare gli orizzonti della propria cifra stilistica.

LINEA "VINCERO'" BUGATTI VEYRON 16.4
La più stupefacente delle creature presenti nel "Circo Mansory" è di certo la Bugatti Veyron 16.4 Linea Vincerò di cui vi avevamo già annunciato l'esistenza e che vista dal vero non fa altro che confermare le incredibili potenzialità di personalizzazione offerte da Kourosh Mansory. Le nuove informazioni ci rivelano i dettagli di questo kit di trasformazione prodotto in serie limitata e destinato alla più costosa, esclusiva e potente delle supercar attuali: nuovo frontale, cofano anteriore più corto, luci diurne LED, calandra con V integrata, sfoghi d'aria maggiorati e sostituzione di quasi tutti i pannelli di carrozzeria con altri in fibra di carbonio.
I pannelli laterali sono invece realizzati con finitura a specchio e si sposano alla perfezione con la finitura color bronzo dei cerchi esclusivi Linea Vincerò, delle maniglie porta, del tappo serbatoio e degli specchietti retrovisori. Altra interessante caratteristica è la potenza di 1.109 CV e la coppia massima di 1.310 Nm, ottenuta grazie al migliore apporto di aria al motore e ad un impianto di scarico ottimizzato.
Gli interni sono votati al massimo lusso, con pellami dalla grana speciale, inserti in carbonio e illuminazione ambiente tramite luci LED.
Il pacchetto Linea Vincerò è disponibile in serie limitata presso la "Prestige Cars Abu Dhabi" ed è offerta solamente come kit di trasformazione per chi vuole personalizzare e migliorare l'apparentemente già perfetta Bugatti Veyron.

MANSORY CHOPSTER
Altra anteprima mondiale presente nello stand è la Mansory Chopster, una spaventosa creatura basata sulla Porsche Cayenne Turbo S e realizzata interamente in fibra di carbonio. Tutti i pannelli di carrozzeria e quasi tutti i dettagli sono realizzati in autoclave e trasformano la ex Cayenne in una mostruosità più larga di 80 millimetri, con un frontale completamente rifatto e affilato e con la linea del tetto abbassata di 60 millimetri. Sotto questo inquietante guscio di carbonio si nasconde una quattro posti da 710 CV e 900 Nm capace di raggiungere i 302 km/h.
I cerchi forgiati monoblocco da 23 pollici calzano pneumatici 315/25-23 e lasciano ampia visione sui dischi freno da 420 x 40 mm all'anteriore e 375 x 30 mm al posteriore; le pinze a 8 pistoncini davanti e quattro dietro dovrebbero garantire la pronta decelerazione per questa super SUV che, attraverso il modulo sospensioni pneumatiche Mansory, può essere ulteriormente abbassata di 45 millimetri.
L'abitacolo è un assoluto trionfo di carbonio e pelle lavorata al meglio da esperti artigiani, applicata anche ai quattro sedili sportivi a guscio, con in più ogni comfort immaginabile, dal frigo-bar al portatile con accesso a internet all'impianto home theater DVD con monitor per tutti.

BENTLEY CONTINENTAL GT SPEED
La Bentley Continental GT Speed "trattata" da Mansory spicca per la finitura nera opaca della carrozzeria, per i nuovi paraurti e le appendici aerodinamiche applicate che la rendono ancora più cattiva e radente al suolo, oltre che per il piccolo ma efficace piccolo alettone in carbonio sul bagagliaio.
Con un nuovo filtro dell'aria qualche aggiustatina alla gestione elettronica del motore la GT Speed di Mansory sviluppa 685 CV e 750 Nm, valori che le permettono di raggiungere i 348 km/h. Per gestire le nuove prestazioni sono state adottate ruote forgiate da 21 pollici con gomme Michelin Pilot Sport PS2 305/30 ZR 21 e sospensioni regolabili su vari livelli.
Gli interni, come da tradizione Mansory, trasudano lusso e sfarzo che, indipendentemente dai gusti, riescono a superare in qualità, accostamenti e materiali ciò che gli artigiani Bentley sanno già proporre con somma maestria.

PORSCHE 911
Il programma Mansory per la Porsche 911 si limita a pochi ma efficaci ritocchi estetici, sostanzialmente riassumibili in nuovi paraurti per la 997, cofano anteriore e alettone posteriore in carbonio, cerchi in lega da 20 pollici (pneumatici 245/30 e 325/25) e assetto ribassato di 30 millimetri.
Il motore ha ricevuto solo alcuni affinamenti come il filtro dell'aria più aperto lo scarico più libero, dettagli che garantiscono comunque una migliore resa generale e una accelerazione più vivace.
Assolutamente stupefacente è l'utilizzo nell'abitacolo della fibra di carbonio di colore chiaro, un vero accento tecnologico dorato che si sposa alla perfezione con il colore dei cerchi in lega a 5 razze doppie.

Galleria fotografica - Mansory al Salone di Ginevra 2009Galleria fotografica - Mansory al Salone di Ginevra 2009
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 1
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 2
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 3
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 4
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 5
  • Mansory al Salone di Ginevra 2009 - anteprima 6

Autore:

Tag: Tuning


Top