dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 4 marzo 2009

Lagonda Concept

Il marchio inglese si prepara a tornare con un crossover muscolare

Lagonda Concept

La Lagonda si risveglia a cento anni. Il marchio fondato in Inghilterra dall'americano Wilbur Gunn nel 1909 e assorbito nel 1947 da Aston Martin resuscita infatti oggi al Salone di Ginevra in occasione del suo centesimo compleanno come costruttore di automobili presentando un concept di crossover che, nelle intenzioni del presidente della Aston Martin Lagonda, Ulrich Bez è "la vettura di lusso del futuro".

La Lagonda Concept è lunga circa 5 metri con uno stile che ricorda vagamente le Infiniti. Dovrebbe vedere la luce nel 2012, avere un abitacolo 4 posti, un bel motore V12 6 litri nel cofano e trazione integrale per prestazioni da far paura alla Porsche Cayenne. È probabile inoltre che la scocca sia tutta in alluminio come le altre Aston Martin (One-77 esclusa, visto che ha il telaio in fibra di carbonio). Ma perché una Lagonda oggi? Il marchio inglese guarda in particolare ai mercati emergenti e in particolare in Russia, dove la condizione delle strade ha finora limitato la diffusione delle vetture sportive e di lusso e fatto esplodere invece le vendite di SUV e crossover. Stesse problematiche riguardano i ricchi mercati del Medio Oriente come l'Arabia Saudita. Tra l'altro, il fondatore, Wilbur Gunn, fu un pioniere portando le sue vetture a San Pietroburgo già nel 1910 e non dobbiamo dimenticare il palmares sportivo della Lagonda che ha vinto nel 1935 la 24 Ore di Le Mans con una versione alleggerita della M45 spinta da un motore 6 cilindri 4,5 litri.

Sono stati proprio gli anni Trenta gli anni d'oro della Lagonda. Tra le caratteristiche della Concept a livello di stile, ci sono le analogie con la leggendaria Lagonda LG6 con motore V12 del 1938, in particolare la calandra anteriore, davvero imponente, e la forma della coda simile a quello di altre vetture degli anni Trenta che avevano il bagagliaio sporgente. I dischi freno sono carboceramici, gli pneumatici sono mastodontici Continental Cross Contact 305/40 ZR22 e i cristalli laterali sono senza cornice, inoltre il montante anteriore nero, che unisce visivamente la finestratura laterale a cuneo e il parabrezza, crea un effetto avvolgente simile a quello di un coupé. Nell'abitacolo, il particolare più eccentrico è il rivestimento in pelliccia a pelo alto nella zona del collo per i sedili e negli incavi delle maniglie porta. Lusso sfrenato ed eccessivo, proprio quello che piace ai signori del petrolio e del gas, diverso dalla sobria classe delle Aston Martin.

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top