dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 febbraio 2009

Raid 4L Trophy 2009

6.000 km di emozioni e solidarietà

Raid 4L Trophy 2009
Galleria fotografica - Raid 4L Trophy 2009Galleria fotografica - Raid 4L Trophy 2009
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 1
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 2
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 3
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 4
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 5
  • Raid 4L Trophy 2009 - anteprima 6

Tra le vetture europee più simpatiche del secondo dopoguerra c'è senz'altro la Renault 4, spesso associata all'idea di auto "pratica", ma anche instancabile tutto terreni, tanto da essere definita dai beduini "lo scorpione del deserto". Una singolare occasione per ribadire anche oggi le particolari caratteristiche di quest'auto è una competizione che si svolge in Marocco, giunta quest'anno alla 12ma edizione, che prende il nome di "Raid 4L Trophy".

SPORT E AVVENTURA, MA SENZA "CORRERE
Questa "Raid Aventure" fu creata nel 1997 da Jean Jacques Rey di Désertours, che ancora oggi segue l'organizzazione, in collaborazione con la ESC Rennes School of Business. All'edizione 2009 stanno partecipando ben 2.044 studenti, provenienti da diversi stati, come Francia, Belgio, Portogallo, Spagna, Svizzera, Germania e Canada. A bordo delle Renault 4L, variamente allestite, viene affrontata l'avventurosa competizione sportiva, che però non ha come priorità assoluta la "velocità": al contrario, nel puro spirito "R4", si tratta di una gara di regolarità a cronometro, tra montagne, dune, corsi d'acqua e sabbia del Marocco, nella quale l'orientamento viene supportato da strumenti, diciamo così, "tradizionali": una bussola, un road book e una cartina geografica. Ma anche con una squadra di assistenza di supporto, che supera le 200 persone.

GARA DI SOLIDARIETA'
Il Raid 4L Trophy, tuttavia, si caratterizza soprattutto per la solidarietà: i piloti delle R4 approfittano, infatti, della loro pacifica "invasione" nei villaggi del deserto, per trasportare materiale umanitario, sotto l'egida dell'associazione "Enfants du Desert", presieduta da Laetitia Chevalie. Quest'anno, la carovana di R4 porterà 58 tonnellate di doni, volti principalmente a favorire la scolarizzazione dei bambini più poveri, con materiale didattico e sportivo; vengono anche donate attrezzature per le famiglie e i villaggi, come sedie a rotelle, pompe dell'acqua, pannelli solari...

6.000 KM NEL DESERTO
Il gruppo delle Renault 4 è partito da Parigi e da Bordeaux nei giorni 17 e 18 febbraio, quindi, passando da Algesiras e attraversando il mare, è entrato in Marocco; la garaterminerà il prossimo 1 marzo, dopo circa 6.000 km attraverso gran parte del Grand Sud Marocain. Da sottolineare anche l'impegno "ecologico" della manifestazione: non solo alcuni concorrenti corrono con speciali R4 dotate di motori moderni e "puliti", ma in generale il Raid 4L Trophy invita ad una condotta "rilassata" per consumare poco carburante; in più, quest'anno viene promosso anche un "4L Eco Challenge", ossia una concorso destinato a progetti di natura ecologica da destinarsi al territorio africano.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Renault


Top