dalla Home

Mercato

pubblicato il 26 febbraio 2009

Pirelli riceve 7,4 milioni di euro da Bruxelles

Così si crea un polo di innovazione in Piemonte e si salvano 900 posti di lavoro

Pirelli riceve 7,4 milioni di euro da Bruxelles

La Commissione Europea aiuta Pirelli e punta a creare un nuovo polo di innovazione e produzione in Italia, più precisamente nella regione Piemonte. Ieri Bruxelles ha deciso di investire 7,4 milioni di euro per salvare 900 posti di lavoro e ampliare la fabbrica Pirelli di Settimo Torinese. Il progetto, che dovrebbe essere perfezionato entro il 2010, prevede inoltre il raggruppamento delle attività di due diversi stabilimenti Pirelli situati nella stessa zona per la produzione di pneumatici a forte carattere innovativo, prevalentemente per supercar e auto di lusso.

L'aiuto "di importo relativamente modesto", come l'ha definito il commissario UE alla Concorrenza, Neelie Kroes, arriva in un momento di grande dibattito sul tema di "aiuti di Stato". Proprio ieri la Commissione si è riunita per dire no al protezionismo e per dettare le linee guida di rilancio dell'industria automobilistica, che dovrebbe essere sostenuta dai governi nazionali con azioni "coordinate preventivamente" tra gli Stati membri. Insomma, ogni decisione dovrebbe essere coordinata da Bruxelles.

L'investimento di 7,4 milioni di euro in Piemonte rispetterebbe gli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato a finalità regionale perché il suo apporto positivo allo sviluppo regionale va chiaramente al di là di qualunque potenziale distorsione della concorrenza. In particolare, si ritiene che, grazie all'investimento, verranno conservati 900 posti di lavoro e che l'impianto attirerà diversi progetti di ricerca e sviluppo che verranno realizzati in associazione con il Politecnico di Torino.

Autore:

Tag: Mercato , unione europea


Top