dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 febbraio 2009

La crisi spazza via le emissioni di CO2

Nel 2008 sono diminuite del 2,6% a causa del minor consumo di benzina e diesel

La crisi spazza via le emissioni di CO2

La crisi economica ha i suoi lati positivi. Anche se i disagi sono molti e i problemi gravi, un buon risvolto c'è: nel 2008 le emissioni di anidride carbonica (CO2) derivanti dai consumi di benzina e gasolio per autotrazione sono diminuite del 2,6% a 3.140.000 tonnellate. Così una nota del Centro Studi Promotor (Csp), secondo cui "per valutare l'entità del calo basti pensare che l'obiettivo di riduzione della CO2 per il 2012 per l'intera Unione Europea è di 10,9 milioni di tonnellate".

La forte contrazione nei consumi di benzina (-7,2%) e di gasolio (-0,2%), determinata dall'impennata dei prezzi nella prima metà dell'anno e dall'aggravarsi della crisi economica nell'ultimo trimestre, è però soltanto una delle cause della diminuzione di emissioni di CO2 nell'aria. Il risultato del 2008 dipende anche dalla buona crescita delle motorizzazioni diesel, che hanno rese per litro più elevate, e degli sforzi dei Costruttori che hanno messo a punto propulsori dai consumi di carburante ridotti e con essi di emissioni.

Dato interessante emerso dalla banca dati del Centro Studi Promotor riguarda, infine, la spesa per benzina e gasolio per autotrazione degli italiani e sul gettito fiscale. Considerando complessivamente le due tipologie di alimentazione, la spesa è stata di 62,9 miliardi di euro (+9,2% sull'anno precedente) e il gettito fiscale era pari a 32,2 miliardi (+1%). Se si considera l'ultimo decennio, a fronte di un aumento dei consumi del 2,4%, la spesa è aumentata del 61,3% e il gettito fiscale dell'15,8%.

Autore:

Tag: Curiosità


Top