dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 16 febbraio 2009

Assalto ai concessionari

In un solo weekend, preventivi in aumento del 60-70%

Assalto ai concessionari

Si sono fatti attendere, ma stanno già dando i primi frutti. Gli incentivi alla rottamazione, che il governo ha approvato dopo un lungo periodo d'attesa e in un clima di grave crisi economica, stanno generando l'effetto sperato. Poco dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto legge, in un solo weekend il numero dei preventivi su eventuali acquisti è aumentato del 60-70%. A dirlo è stato Piero Mocarelli, titolare del gruppo concessionarie Car World Italia e vicepresidente di Federaicpa, la federazione dei concessionari, che però ha subito frenato l'entusiamo: "L'arrivo degli incentivi ha finalmente riportato un po' di movimento nelle nostre aziende, vediamo in che misura si concretizzeranno gli ordini".

Il fatto che gli incentivi statali, insieme alle promozioni dei singoli marchi, siano riusciti a risvegliare un certo interesse agli acquisti dopo un gennaio terribile, in cui il mercato italiano è crollato del 32,7%, non deve trarre in inganno. "Tutto ciò fa ben sperare dopo l'anno nero alle spalle", ha detto Mocarelli, ricordando come proprio a gennaio l'attesa degli incentivi aveva paralizzato il mercato. "Considerato che la gente ha sempre meno soldi in tasca è importante vedere se risulteranno veramente efficaci ed estese le contro garanzie della Sace alle finanziarie per l'acquisto di auto previste dal decreto legge sugli incentivi", ha precisato Mocarelli, che lo scorso anno ha "visto tanti rifiuti al finanziamento".

Per stare tranquilli, dunque, si sarebbe ancora tempo e i concessionari, molto preoccupati per il 2009, non sono tutti d'accordo sul buon effetto degli incentivi statali. Il 74% dei concessionari intervistati dal Centro studi Promotor è convinto che l'adozione degli incentivi abbia determinato un buon aumento di potenziali interessati all'acquisto di auto e per il 13% l'aumento è stato forte, ma per un ulteriore 13% non vi è stato nessun aumento.

Autore:

Tag: Mercato , incentivi


Top