dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 febbraio 2009

Ferrari 250 Testa Rossa '57 all'asta

In vendita a Maranello il 17 maggio: stima d'asta a 11 milioni di dollari!

Ferrari 250 Testa Rossa '57 all'asta
Galleria fotografica - Ferrari 250 Testa Rossa '57Galleria fotografica - Ferrari 250 Testa Rossa '57
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 1
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 2
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 3
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 4
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 5
  • Ferrari 250 Testa Rossa \'57 - anteprima 6

RM Auction e Sotheby's sono pronti a infrangere un record mondiale per quanto riguarda il prezzo di aggiudicazione di un'auto d'epoca. Per farlo puntano tutto su di una splendida Ferrari 250 Testa Rossa del 1957, la cui stima è fissata a 11 milioni di dollari. Una delle più rare, preziose ed ambite Ferrari di tutti i tempi (seconda, forse, solo alla 250 GTO) sarà posta in vendita all'incanto durante l' annunciata asta "Ferrari Leggenda e Passione" che si svolgerà a Maranello (MO) il 17 maggio 2009.

Quella che ai profani può sembrare solo una "vecchia auto da corsa" è in realtà una delle sole 20 Ferrari 250 TR costruite fra il '57 e il '58, capace di vincere su tutte le piste del mondo e di diventare in breve tempo la "Gioconda" delle auto da collezione, contesa a suon di milioni di dollari nei pochi scambi di proprietà avvenuti negli anni Ottanta e Novanta.

L'esemplare in vendita il prossimo maggio ha numero di telaio 0714TR ed ha una lunga storia agonistica: venduta nel dicembre 1957 al pilota e carrozziere italiano Piero Drogo ha debuttato in alcune gare sudamericane, fra cui la 1.000 km di Buenos Aires del '58, per poi essere venduta negli USA ad Alan Connell prima e Wayne Burnett poi, che l'ha fatta correre e vincere fino al 1963. Dopo un pensionamento dorato la 0714TR ha cambiato proprietario molte volte, fino ad entrare nel 1995 nella favolosa collezione privata del giapponese Yoshiho Matsuda; questi ha partecipato a numerose gare per auto d'epoca, compresa la Mille Miglia '95, '96 e '97 e nel 2005 l'ha posta in vendita a 11 milioni di dollari.

Ora la Testa Rossa in questione - così chiamata per il colore dei coperchi punteria del V12 di 3 litri e 300 CV - è stata riverniciata nel colore nero con cui correva agli inizi della carriera e tenta di superare un record di aggiudicazione stabilito durante la scorsa edizione di "Ferrari Leggenda e Passione", quando la Ferrari 250 GT SWB Spyder California '61 - telaio 2377GT è passata di mano a 10.894.400 dollari (7.040.000 euro).

Occorrerà ora vedere se, in questo periodo di crisi, ci sarà qualcuno disposto a sborsare una cifra pari o superiore agli 11 milioni di dollari della stima; al momento non è noto neppure il prezzo di riserva, la soglia minima sotto la quale l'attuale proprietario non è disposto a scendere, ma se ci sarà più di un acquirente interessato a mettersi in garage un pezzo di storia dell'automobilismo mondiale si vedranno i fuochi d'artificio!

Come nota finale occorre aggiungere che esistono altri valori record di vendita per auto d'epoca, veri o presunti, stabiliti anche al di fuori di aste a partire dal boom degli Anni '80: si va dai quai 20 milioni di dollari sborsati da Volkswagen per accaparrarsi la Bugatti Royale Coupe de Ville Binder agli 8,7 milioni di dollari dell'87 (equivalenti a circa 17,6 milioni di oggi) per la Bugatti Royale Kellner Coupe '31, passando per 13,3 milioni di dollari spesi nell'89 dal giapponese Takeo Kato per la Ferrari 250 GTO S/N 3909.

Autore:

Tag: Curiosità , Ferrari , auto storiche , aste


Top