dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 21 gennaio 2009

Sacconi: "La tolleranza zero è necessaria"

Automobilisti e autotrasportatori NON DEVONO BERE

Sacconi: "La tolleranza zero è necessaria"

Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per le persone di età compresa tra i 15 e i 35 anni. Con questa premessa il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Maurizio Sacconi, ha introdotto il suo discorso di ieri alla Camera sul tema della sicurezza stradale (di cui offriamo il download della versione integrale). Ricordando che l'obiettivo comunitario è dimezzare, entro il 2010, il numero dei morti sulle strade europee, Sacconi ha proposto di portare il limite alcolico a zero per i giovani fino a 21 anni e per i neopatentati con l'estensione del valore zero per i conducenti professionisti, da quelli dei mezzi pubblici agli autotrasportatori.

Un'opinione simile a quella esposta in nei giorni scorsi dal Ministro dell'Interno, Roberto Maroni e dal sottosegretario Carlo Giovanardi e che è stata accolta con favore, ma anche con qualche perplessità, dalle Associazioni legate al mondo dell'auto, come l'ASAPS, e dalla Fondazione ANIA. "Sempre nell'ottica della riduzione dell'incidentalità da assunzione di alcol, ritengo importante - ha detto Sacconi - intervenire sul livello d'informazione, al fine di rendere noti i reali limiti di tollerabilità dell'alcol in termini facilmente comprensibili e in questo senso ci impegniamo a rivedere, in un'ottica di maggiore chiarezza, anche le tabelle sull'alcol che sono scientificamente inappuntabili, ma non facilissime da consultare".

Il Ministro del Welfare, oltre a riconoscere la difficoltà legate alla effettiva comprensione delle tabelle alcolemiche esposte nei locali pubblici per legge, ha ribadito l'importanza delle campagne di sensibilizzazione impegnandosi ad avviare un nuovo percorso "sulla scia segnata dalla Conferenza nazionale (che si è tenuta ad ottobre, ndr.), lavorando in sinergia con tutti gli attori coinvolti". "Proprio in questi giorni il Ministro per la gioventù - ha detto Sacconi - ha indirizzato una lettera ai colleghi di Governo competenti, per condividere alcuni progetti rivolti alle giovani generazioni al fine di ridurre il tragico fenomeno delle 'stragi del sabato sera', tra cui in particolare il progetto sperimentale 'Operazione Nasorosso', azione da realizzare in più fasi nei locali notturni, con il contributo dell'Istituto Superiore di Sanità. Aderendo all'invito del Ministro Meloni, la proposta di questo Ministero è la costituzione di una sorta di cabina di regia per coordinare efficacemente tutti gli interventi normativi, informativi, mediatici, progettuali da realizzare".

Dopo aver riferito alla Camera dell'attività ispettiva in materia di autotrasporto finalizzata ad incrementare la sicurezza stradale, attraverso il controllo dell'orario di lavoro, dei tempi di guida e di riposo dei conducenti, Sacconi ha richiamato di nuovo l'attenzione sulla necessità di un approccio integrato e multisettoriale al tema della sicurezza stradale. "Fondamentale è altresì il ruolo delle campagne informative, da svolgersi anche nei luoghi di lavoro (visto pure l'aumento, seppur lieve, degli incidenti 'in itinere') e dell'educazione stradale nelle scuole, per una corretta percezione dei rischi e degli effetti sulla guida legati a comportamenti scorretti o all'assunzione di alcol o di sostanze stupefacenti - ha detto - Ciò, ferma restando la necessità di sensibilizzare i genitori all'utilizzo dei dispositivi di ritenuta per se stessi e per i propri figli".

Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha promesso, infine, un coinvolgimento "pieno e costante" in materia di sicurezza stradale, anche grazie al supporto scientifico, al miglioramento operativo dei servizi per le tossicodipendenze e della certificazione medica di idoneità alla guida, all'ulteriore miglioramento - qualitativo e quantitativo - dei servizi ospedalieri e territoriali di emergenza 118 e ad una specifica campagna di sensibilizzazione su medici prescrittori e farmacisti affinchè segnalino gli effetti negativi dei farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale.

Per leggere la versione integrale della relazione del Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Maurizio Sacconi, clicca qui.

Autore:

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale


Top