dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 20 gennaio 2009

Montezemolo:"Per uscire dalla crisi serve coordinamento europeo"

Il cda Fiat giovedì parlerà anche di aiuti di Stato

Montezemolo:"Per uscire dalla crisi serve coordinamento europeo"

L'industria dell'auto ha bisogno di un "coordinamento europeo" per affrontare la crisi e non "soffrire una concorrenza sleale" con gli USA. È questa l'opinione del presidente della Fiat e della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, che oggi a Maranello ha presentato un nuovo impianto fotovoltaico installato nell'azienda del Cavallino. Il manager è dunque convinto, come Sergio Marchionne, che il piano di rilancio del mercato automobilistico debba necessariamente passare per Bruxelles:

"Da tempo si parla e poi si realizzano iniziative di sostegno in diversi Paesi: negli USA sono stati messi a disposizione 17 miliardi di dollari; altre iniziative in Svezia, Francia e Germania", ha detto. Tuttavia, anche lo stesso Cancelliere tedesco, Angela Merkel, che ha di recente destinato 1,5 miliardi di euro all'industria delle quattro ruote, ha criticato l'intervento del governo USA a sostegno del settore automobilistico perché "il futuro dell'industria dell'auto non può, nel lungo periodo, dipendere dagli aiuti di Stato", ha detto. "L'Europa non può stare a guardare se qualcuno offre sussidi e invece le forze di mercato sono esonerate", ha precisato.

Dello stesso avviso Luca Cordero di Montezemolo, che ha detto di auspicare "un coordinamento europeo per non andare in tante direzioni e perchè l'industria dell'auto non debba soffrire una concorrenza non pari con gli USA". Un giudizio più completo sul tema degli aiuti di Stato, come ha anticipato il manager, verrà dato "dal consiglio di amministrazione della Fiat, che è la sede giusta per queste analisi e che si svolgerà giovedì prossimo". Infine, evidenziando la "centralità dell'industria meccanica" in Italia, il presidente della Fiat ha commentato l'accordo sottoscritto oggi con Chrysler affermando che questo passo "dimostra che non si sta fermi. Si spera in una ripresa già nella seconda metà dell'anno".

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , incentivi


Top