dalla Home

Mercato

pubblicato il 19 gennaio 2009

Gruppo Renault: un 2008 da mezzo gaudio

Calano le vendite, ma aumentano le quote di mercato grazie a Dacia

Gruppo Renault: un 2008 da mezzo gaudio

Mal comune, mezzo gaudio, anzi qualcosa di più. Così si potrebbero definire i risultati commerciali in tutto il mondo di Renault nel 2008 dove, a fronte di una calo globale delle vendite del 4,8%, la Casa francese ha venduto 2.381.476 unità (-4,2%) aumentando dunque la propria quota di mercato. Non era quello che si attendeva il suo presidente Carlos Ghosn il quale ha dovuto prendere atto della crisi e annunciare che il famoso Contrat 2009 - il piano che prevede entro quest'anno tra le molte cose un aumento dei volumi e una redditività del 6% - non potrà essere raggiunto. Lo scenario è cambiato in pochi mesi e la crisi finanziaria ha evidentemente minato tutte le certezze e i riferimenti del mercato sul quale ogni previsione va fatta con molta cautela e molti punti interrogativi.

Renault si è rafforzata ovunque aumentando la propria quota al 9% (+0,2%) in Europa dove con 1.507.678 veicoli il proprio calo è stato del 7,2% a fronte dell'8,1% registrato dall'intero mercato. Questo dato è ancora più significativo perché raggiunto perseguendo l'obiettivo di concentrarsi sulle vendite ai privati, più redditizie, a scapito delle flotte, in grado di assicurare maggiori volumi, ma margini inferiori. Va detto che Renault deve molto alla spettacolare la progressione di Dacia (+39%) che ha toccato le 112mila unità grazie anche all'introduzione della Sandero. Bene è andata in mercati sostanzialmente stabili come Francia (+3,5%) e Germania (+4,6%), ma anche in quelli in calo come Irlanda (+0,5%), nei Paesi Bassi (+1,4%), in Belgio (+0,4%), in Austria (+0,9%) e in Svizzera (+0,4%). In calo invece le vendite nei mercati in forte calo come Spagna (-29,8%), Gran Bretagna (-11,7%) e in Italia dove, secondo i dati dell'UNRAE, Renault ha chiuso con 94.886 immatricolazioni, con un calo del 21,2% e una quota scesa da 4,83% a 4,39%, mentre Dacia ha totalizzato 8.346 unità (+57,1%) aumentando la propria fetta da 0,21% a 0,39%. Va detto che Renault rimane per l'11esimo anno consecutivo leader del settore dei veicoli commerciali leggeri.

Molto bene nelle Americhe dove la quota è aumentata dell'1,2%, più di ogni altro Costruttore, ottime in particolare nel Brasile dove, con 115 veicoli, Renault conquista il sesto posto nelle vendite con un aumento del 56,4% grazie al grande successo di Sandero e Logan. Nell'Africa mediterranea e nei paesi dell'Est le vendite sono aumentate del 6,8% sfondando il tetto delle 100mila unità per il secondo anno consecutivo e mantenendo la leadership in Marocco con il 27,8% del mercato. Dacia è la forza trainante anche in Asia e nelle altre zone dell'Africa dove le vendite sono cresciute del 12,2%. Solo in Iran Logan ha totalizzato 54mila unità e la penetrazione è migliorata del 3,5%.

Questi risultati sono anche il merito dei 10 nuovi modelli lanciati e nel 2009 si attende l'entrata a regime di altri fondamentali come Mégane e l'arrivo di altri come Scénic, Clio restyling e Mégane Station Wagon, ma anche il nuovo SUV di Dacia, altra novità nel settore low cost del quale Renault è stata pioniere e che sta portando in Casa tante soddisfazioni e tanto denaro prezioso.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , Renault , produzione


Top