dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 gennaio 2009

Moody's mette sotto osservazione la Fiat

Possibile un abbassamento del rating. Marchionne: "servono interventi europei"

Moody's mette sotto osservazione la Fiat

Il settore auto necessita di "urgenti azioni di sostegno a livello europeo". Sergio Marchionne non ha dubbi perché questa "crisi che ha colpito prima il mondo della finanza e adesso anche l'economia reale" sta implicando un aumento del tasso di disoccupazione, diretta e indiretta.

Le dichiarazioni dell'Amministrare Delegato del Gruppo Fiat arrivano a poche ore dall'annuncio di Moody's di porre sotto osservazione il rating della Fiat. Una vera e propria doccia fredda nel giorno in cui sono stati comunicati i numeri della crisi dell'auto europea (-7,8 è la flessione media nei paesi dell'Unione) e che secondo Marchionne è "strettamente collegata alla generale situazione di difficoltà che sta attraversando il comparto automobilistico a livello mondiale".

"Solo una strategia di intervento comune - ha avvertito il numero 1 del Lingotto - o per lo meno condiviso, può, tra l'altro, evitare quella disparità da Paese a Paese che sta creando condizioni di diseguaglianza tra i diversi costruttori, falsando l'equilibrio dei mercati e violando i più elementari principi della concorrenza previsti dal mercato unico europeo". Un messaggio rivolto piuttosto esplicitamnete al Governo italiano che ad oggi non ha ancora varato alcun intervento a sostegno del settore.

Il titolo Fiat ha chiuso la giornata con con un ribasso 5,6%, portando il valore del titolo a 4,92 euro.

Autore: Redazione

Tag: Mercato , Fiat


Top