dalla Home

Novità

pubblicato il 6 maggio 2009

Jaguar XK model year 2010

Si rinnovano le XK coupé e convertibile del giaguaro

Jaguar XK model year 2010
Galleria fotografica - Jaguar XKR model year 2010Galleria fotografica - Jaguar XKR model year 2010
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 1
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 2
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 3
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 4
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 5
  • Jaguar XKR model year 2010 - anteprima 6

Il passaggio da Ford a Tata del marchio Jaguar ha generato, come è ovvio, un certo clima di attesa, considerando la storia e la tradizione della Casa. Il processo di rinnovamento della gamma è attualmente in corso: tra i primi modelli oggetto di modifiche troviamo la XK 2+2 Coupé e Convertibile, già anticipata al Salone di Detroit e siglata come "Model Year 2010", sebbene disponibile in alcuni mercati già dallo scorso marzo. A cambiare sono soprattutto le motorizzazioni e gli allestimenti, con qualche modifica anche all'estetica e all'abitacolo.

NUOVI MOTORI PIU PERFORMANTI
Le nuove XK impiegano i motori AJ-V8, giunti ora alla terza generazione, che Jaguar considera i più potenti ed efficienti mai prodotti nella storia della Casa. Con cilindrata di 5 litri, iniezione diretta "spray-guided" (SGDI) e doppia fasatura variabile indipendente degli alberi a camme (DIVCT), i V8 inglesi (Euro 5) riescono a migliorare le prestazioni su tutti i fronti, e nello stesso tempo a non aumentare i consumi e a ridurre le emissioni inquinanti. Il V8 aspirato permette alla XK di raggiungere 385 CV di potenza e 515 Nm di coppia massima, con accelerazione da 0 a 100 km/h che scende da 6,2 a 5,5 secondi. La versione sovralimentata della XKR, con compressore volumetrico Twin Vortex di sesta generazione, sfodera ben 510 CV e 625 Nm, per cui il passaggio da 0 a 100 km/h si riduce ulteriormente, da 5,2 a 4,8 secondi; per entrambe le motorizzazioni, la velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Il peso a vuoto dichiarato va dai 1.660 kg della XK Coupè ai 1.800 della XKR Convertibile, che sono valori alti, ma non eccessivi, considerando le dimensioni: la lunghezza della gran turismo inglese è infatti pari a 4.794 mm, con una larghezza che, comprendendo gli specchietti esterni, supera di slancio i 2 metri. Un consistente risparmio di peso è stato ottenuto con l'impiego della scocca in componenti in lega di alluminio stampati, pressofusi ed estrusi: insieme all'ottimizzazione della meccanica, la nuova XK mantiene pressoché invariati i consumi rispetto al modello precedente (i valori medi sono 11,2 l/100 km per l'aspirata, 12,3 l/100 km per la XKR sovralimentata), e riduce di circa il 2% le emissioni di CO2 nella versione aspirata (264 g/km), dell'1% nella Supercharged (292 g/km). A ciò si aggiunge il cambio ZF 6HP28 a 6 marce, con dischi della frizione supplementari e uno specifico convertitore di coppia; il cambio può funzionare in modalità interamente automatica o con le leve al volante, mentre debutta sulla XK il Jaguar Drive Selector, ossia il selettore rotativo già visto nella XK. La performante XKR prevede anche un avanzato controllo attivo del differenziale (ADC), che migliora trazione e stabilità.

LIEVI RITOCCHI ALL'ESTERNO, LUSSO ALL'INTERNO
La nuova XK propone alcune lievi modifiche stilistiche, volte ad amplificare l'aspetto dinamico complessivo della vettura, e a meglio integrarsi nel più recente corso stilistico di Jaguar voluto da Ian Callum. In particolare, a cambiare sono gli scudi paraurti, il cofano motore dalla forma diversa, i gruppi ottici posteriori a LED, i retrovisori con l'indicatore di direzione a LED integrato, le prese aria laterali in tinta con la carrozzeria. Ben sette i cerchi in lega a disposizione della nuova XK, partendo dai "Venus" a sette razze da 18", per arrivare ai Kalimnos da 20" a cinque razze doppie, di serie per la XKR nel mercato del Regno Unito e a richiesta su tutti i modelli negli altri mercati, e agli R Performance Nevis 20" a sette razze doppie, esclusivi per la XKR. Rinnovati anche i colori esterni, che sono ora 15, di cui Salsa e Kyanite Blue solo per la versione sovralimentata. All'interno, viene ulteriormente accentuata la sensazione di qualità, con l'impiego di nuovi inserti e finiture, che comprendono materiali molto "inglesi" come la pelle (pieno fiore e con cuciture in contrasto per i modelli alto di gamma), la vera radica, l'alluminio. Nuovo il voltante a tre razze, con quella inferiore rivestita in pelle, e inedita l'illuminazione bianca degli strumenti, con quadranti con lancette rosse nella XKR. Da segnalare anche il tetto in tessuto a tre strati della Convertivile, in grado di aprirsi e chiudersi elettricamente in meno di 18 secondi, e corredato con un sistema automatico anti-ribaltamento.

ALLESTIMENTI E PREZZI
Le nuove XK sono disponibili in tre versioni: XK, XK Portfolio dall'allestimento molto ricco, e XKR sovralimentata; ogni allestimento prevede specifiche scelte di inserti, colori e finiture, anche all'esterno. Tra gli accessori, il sistema centralizzato JaguarDrive Selector, che ha debuttato nella Jaguar XF, e che è in grado di controllare anche le qualità dinamiche della vettura (con l'inedita modalità Winter, già vista sulla XF); i sedili anteriori riscaldati e raffreddati, di serie su Portfolio e XKR. Lo schermo a sfioramento che comprende i comandi del climatizzatore, dell'impianto audio, del sistema di navigazione satellitare, della connettività Bluetooth per cellulari e dell'interfaccia per sistema portatile audio di Jaguar. Da segnalare anche l'allungamento degli intervalli di manutenzione, ora fissati ogni 24.000 km. Prezzi a partire da oltre 90.000 euro della XK Coupé fino a circa 114.000 euro della XKR Convertibile.

Jaguar XK model year 2010

Al debutto la cattivissima versione "R" da 515 CV

Autore: Sergio Chierici

Tag: Novità , Jaguar


Top