dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 gennaio 2009

L'auto di Obama? "Un carro armato su ruote"

Le prime immagini e il video della "bestia" che sarà ibrida

L'auto di Obama? "Un carro armato su ruote"

La nuova auto del Presidente degli Stati Uniti sarà una "bestia", parola dei Servizi Segreti americani che hanno così soprannominato la vettura che il 20 gennaio accompagnerà il neo eletto Presidente Barack Obama alla Casa Bianca per l'insediamento ufficiale. La vettura, di cui per il momento circolano soltanto poche immagini ed un video della CNN, è stata costruita ancora una volta dalla General Motors, che, nonostante le cattive acque in cui si trova, ha ricevuto il prestigioso incarico presidenziale di costruire l'auto più blindata del mondo. L'aspetto è quello di una poderosa quattro ruote a metà strada tra una lussuosa Cadillac ed un pickup, ma la sua caratteristica principale è il motore: un ibrido.

Le caratteristiche tecniche sono ancora riservate, ma è noto che, in linea con le idee promosse da Obama durante la sua campagna elettorale, la propulsione sarà a basso impatto ambientale, per quanto tuttavia una vettura del genere possa permetterselo. E' facile infatti prevedere che il peso di quest'auto particolarissima sarà fuori dal comune. La "Obamamobile", come la si potrebbe soprannominare, è l'auto più blindata della storia e molto del suo sviluppo si deve all'esperienza tecnica acquisita sul più celebre campo di battaglia degli ultimi anni: l'Iraq. L'auto presidenziale può resistere a qualsiasi esplosivo. Le sue pareti, così come il tetto ed il pavimento, sono di acciaio e i vetri (di dimensioni ridotte rispetto a quelli delle altre auto presidenziali) hanno uno spessore pari a ben 10/15 centimetri. Per assicurare la sicurezza degli occupanti anche in caso di attacco chimico, la sua carrozzeria è stata realizzata con dei materiali particolari, mentre un sistema di bloccaggio delle portiere può trasformare la lussuosa vettura in una cassaforte viaggiante.

Con queste premesse è facile immaginare che conquisterà il presidente eletto, che ha sempre dichiarato di essere un appassionato di auto, anche se, quando era un "semplice" americano, ne possedeva una sola e non tredici come il repubblicano John McCain. L'unico augurio che ci sentiamo di rivolgergli è che la sua "president-mobile" abbia prestazioni migliori della Cadillac DTS di George W. Bush che lo lasciò a piedi in via del Tritone, a Roma, durante la sua visita nel 2007.

Autore:

Tag: Curiosità , Cadillac , VIP


Top