dalla Home

Novità

pubblicato il 7 gennaio 2009

Bentley Continental GTC Speed

600 CV e 322 km/h per la nuova convertibile inglese

Bentley Continental GTC Speed
Galleria fotografica - Bentley Continental GTC SpeedGalleria fotografica - Bentley Continental GTC Speed
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 1
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 2
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 3
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 4
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 5
  • Bentley Continental GTC Speed - anteprima 6

Dalla presentazione della Continental GT, il marchio Bentley, entrato nell'orbita del Gruppo Volkswagen, ha decisamente svecchiato l'immagine di brand saldamente legato a un'ancestrale tradizione, prestigiosa quanto la Corona britannica, ma ormai appesantita dalla polvere del tempo. La GT ha portato sulle strade un altisonante interpretazione del concetto di Gran Turismo: grande, giunonica, imponente, "coupé", formosa e possente, sia nelle forme, sia nei contenuti meccanici. Seguendo questa nuova corrente filosofica, la GT ha spolverato un altro fondamentale concetto tanto caro all'automobilismo britannico, dove prestigio fa rima con vezzo. Ed ecco la versione Cabriolet con due autentici posti posteriori, la Continental GTC, nata nel 2006 con il compito di palesarsi come un esclusivo gioiello di prestigio e plutocratica personalità britannica, ma forgiato da mani tedesche.

GTC SPEED
Ora anche la Continental GTC ha la sua versione sportiva. La nuova GT Speed è equipaggiata con una versione potenziata del W12 della GTC. Grazie a materiali più leggeri, alla riduzione degli attriti e alla rivisitazione dell'elettronica di funzionamento la potenza di questo motore sale a 600 CV, con un nuovo picco di 750 Nm di coppia massima. Il telaio non ha subito modifiche. L'assetto, invece, è stato abbassato di 10 mm anteriormente e 15 posteriormente. Vengono quindi montate ruote da 20 pollici con pneumatici 275/35 ZR20.

DETTAGLI E FINEZZE
La GTC Speed si riconosce per le prese d'aria anteriori brunite, gli scarichi di maggiori dimensioni e il baffo posteriore sopra il cofano, vellutato tocco di aggressività ben lungi dallo sconvolgere il suo design pulito e "femmineo".
L'abitacolo, sviluppato attingendo al catalogo di personalizzazione Mulliner Driving Specification (optional sulla GTC) comprende alcuni ritocchi e aggiunte tra cui battitacco in lega con il logo "Speed", volante a tre razze con controlli in alluminio spazzolato, nuova leva del cambio e pedaliera con un design molto più sportivo.

ESTREMO CONCETTO DI GRAN TURISMO
A livello prestazionale, poi, la versione Speed offre performance decisamente al top della categoria (nonostante il peso, come per la GTC normale, non sia quello di un fuscello: ben 2.485 kg), migliorando sensibilmente i dati della GTC: da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi (contro 5"1), da 0 a 160 km/h in 10,5 secondi (contro 11"4). La Speed tocca poi 322 km/h (la Ferrari F40 dichiarava 324) mentre la GTC si ferma a 312 km/h. A fronte di un livello medio di emissione di ben 396 g/km, GTC e GTC Speed dichiarano il medesimo consumo medio di carburante: oltre 25 litri ogni 100 chilometri.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Novità


Top