dalla Home

Motorsport

pubblicato il 16 dicembre 2008

Subaru si ritira dal Mondiale Rally WRC

La crisi miete un'altra vittima illustre

Subaru si ritira dal Mondiale Rally WRC

Con effetto immediato Subaru si ritira dal Campionato Internazionale Rally FIA. Non sarà quindi presente all'edizione 2009 della massima formula rallistica. La decisione segue di pochissimo quella di Suzuki e rappresenta un brusco "stop" nella decennale storia del marchio Subaru in questo sport. La Casa,infatti, ha ufficialmente debuttato nel settore rallistico nel 1990, utilizzando la validissima Impreza nelle sue varie versioni fin dal '94. In questo lungo cammino sono molti i riconoscimenti che è riuscita a conquistare: tre titoli mondiali costruttori e tre titoli piloti. Grazie al suo impegno, Subaru ha acquisito nel mondo lo status di marchio produttore di automobili sportive di culto tra gli appassionati: le Impreza WRX e le ancora più estreme versioni STI sono tra le più apprezzate per chi guarda con ammirazione ai campioni del rally.

Tuttavia, la crisi mondiale dell'auto ha costretto anche questo Costruttore a rivedere i suoi programmi per il futuro. Va inoltre osservato che nel 2010 il Campionato Internazionale Rally subirà profonde modifiche di regolamento. Sarà peraltro stabilito che le vetture derivino dalle auto che attualmente corrono nella categoria Super 2000. Questo significa che il brand giapponese si sarebbe trovato nella condizione di dover progettare un'auto completamente nuova poiché l'attuale versione dell'Impreza milita come World Rally Car e nel Gruppo N.

A subire gravi conseguenze da questa decisione è anche la Prodrive, arci-nota azienda inglese della scena automobilistica sportiva mondiale, che ha fornito un contributo decisivo negl'ultimi 19 anni allo sviluppo delle Subaru da Rally. David Richards, patron della Prodrive (azionista Aston Martin, essa stessa in odore di consistenti modifiche a livello societario come annunciato recentemente), ha dichiarato che la rinuncia di Subaru al Campionato Internazionale Rally FIA è una grossa perdita. Subaru ha contribuito all'ascesa di stelle come Colin McRae e Richard Burns. Questa decisione pone fine a un importante capitolo della storia della Prodrive, che comunque continuerà nella sua attività nel settore automobilistico sportivo. Secondo Richards, il 20% dei dipendenti Prodrive erano impegnati con Subaru nei Rally, la speranza è che vengano tutti reimpiegati in altre aree dell'azienda.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Motorsport , Subaru , rally


Top