dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 dicembre 2008

Seat: licenziamenti e tagli alla produzione

La Spagna soffre: persi 17mila posti di lavoro in 7 anni

Seat: licenziamenti e tagli alla produzione

Meno Ibiza, Altea, Leon, Toledo... meno Seat. Tra il 2 febbraio ed il 30 giugno 2009 la produzione di auto nell'impianto spagnolo a Martorell verrà ridotta a causa della "persistente caduta generalizzata dei mercati e l'incertezza della loro evoluzione". A questa misura è stato aggiunto un nuovo piano di licenziamenti temporanei da 1 a 4 settimane che interesserà 5.300 lavoratori delle fabbriche di Martorell e della Zona franca di Barcellona.

Per "adeguare la produzione alla continua caduta dei mercati", nella prima metà del 2009, la linea 1 di produzione (quella che fabbrica il modello Ibiza) chiuderà per 29 giorni. La linea 2, che produce i modelli Altea,Leon e Toledo, si fermerà per 23 e la linea 3, dedicata alla fabbricazione della nuova berlina Exeo, resterà ferma una settimana. Una lunga lista di sospensioni, che arriva poco dopo l'approvazione, da parte del Dipartimento del lavoro del governo regionale catalano, del piano che prevede la sospensione del contratto per 4.500 impiegati Seat durante vari giorni fra novembre 2008 e luglio 2009.

La fabbrica dell'auto continua dunque ad abbassare il tasso di occupazione in Spagna. Negli ultimi anni, tra il 2000 e il 2007, hanno perso il posto di lavoro 17mila persone, pari al 5% del totale degli occupati del settore. Circa 14mila impieghi, come riportato dall'agenzia Europa Press, sono stati persi fra i costruttori di autovetture (-18%), mentre 3mila (-1%) erano operativi nel settore dei componenti. Degno di nota il fatto che il 61% dei lavoratori ha un'anzianità inferiore a 10 anni e che il 24% delle persone impiegate nella fabbricazione componenti sono donne.

Autore:

Tag: Mercato , Seat , produzione


Top