dalla Home

Attualità

pubblicato il 15 dicembre 2008

AB 32, la medicina per il CO2

Il piano della California per avere nel 2020 le emissioni di gas serra del 1990

AB 32, la medicina per il CO2

L'Air Resosurces Board, l'organo che fissa le politiche ambientali nello Stato della California, ha dichiarato guerra all'anidride carbonica con il piano AB 32 che mira a riportare nel 2020 le emissioni del gas serra ai livelli del 1990. E questo, si badi bene, non solo in un'ottica di salvaguardia dell'ambiente, ma - come precisa il presidente dell'ARB, Mary Nichols - "per un'economia più sicura e sostenibile" che "guiderà gli investimenti in capitale nell'efficienza energetica per risparmiare denaro, nell'energia rinnovabile per spezzare la nostra dipendenza dal petrolio e per promuovere una nuova generazione di lavori 'verdi' per centinaia di migliaia di californiani".

Dimenticando un attimo lo sconfortante parallelo con le iniziative intraprese dal governo italiano in questo senso, sottolineiamo che l'AB 32 contiene 32 regole fondamentali ed è il risultato di centinaia di testimonianze e oltre 43mila commenti raccolti dalla ARB in 18 mesi. Un processo che non solo ha coinvolto la comunità, ma ha suscitato profondo interesse come dimostra il fatto che il documento finale sia stato scaricato in oltre 250mila copie dal 15 ottobre. L'AB 32 partirà a pieno regime nel 2012 interessando l'85% delle attività economiche e umane della California (tra cui, naturalmente anche la vendita e l'uso delle automobili) portando a una riduzione del CO2 emesso del 30%. Il piano sarà inoltre portato avanti nell'ambito del Western Climate Iniatiative che include sette stati e quattro province canadesi le quali hanno creato una comunità per lo sviluppo di un mercato unito del CO2.

Tra le misure previste per l'automobile ci sono l'implementazione dei rigidi standard californiani sulle emissioni e l'incentivazione dei carburanti alternativi come bioetanolo, ma anche GPL e metano. Solo con queste misure, l'ARB stima che il risparmio dei cittadini per i carburanti sarà di 12 miliardi di dollari per il 2020 compensando ampiamente il maggiore costo delle vetture equipaggiate dei nuovi sistemi di alimentazione. L'AB 32 prevede anche lo sviluppo di un'infrastruttura per le vetture alimentate a idrogeno e riduce la centralità del trasporto privato puntando maggiormente a quello pubblico e su quello che corre su rotaie. In questo modo si pensa di ridurre l'impatto dei trasporti sul monte emissioni di CO2 dal 38% del totale in California al 25% nel 2020. Il piano prevede inoltre di ridurre le emissioni di NOx di 441 tonnellate al giorno e del particolato di 34 tonnellate al giorno agendo in particolare sulla logistica e implementando le migliori tecnologie per i Diesel che offrono comunque emissioni di CO2 e consumi di carburante inferiori. Per i costruttori che non saranno in grado di osservare i limiti di CO2 imposti, ci sarà una banca dove poter acquistare crediti depositati da quelli più virtuosi.

"Muovendoci per primi nella nostra nazione - ha concluso la Nichols - la California mantiene la sua posizione di avanguardia nell'attrarre gli investimenti e ci posiziona come leader nella corsa allo sviluppo di prodotti a tecnologia pulita, brevetti e progetti per andare incontro alle richieste e ai bisogni del mercato globale".

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Attualità


Top