dalla Home

Mercato

pubblicato il 11 dicembre 2008

La Camera USA approva il piano da 15 miliardi di dollari

GM, Chrysler e Ford in attesa del verdetto del Senato

La Camera USA approva il piano da 15 miliardi di dollari

Con 237 voti favorevoli e 170 contrari la Camera dei rappresentanti americana ha approvato il progetto di legge che autorizza fino a 15 miliardi di dollari ai tre colossi dell'auto: General Motors, Chrysler e Ford. Le Tre Sorelle di Detroit possono quindi tirare un respiro di sollievo, ma la loro battaglia per ottenere un immediato e cospicuo finanziamento non può dirsi affatto conclusa, anzi. Il piano di salvataggio deve ora affrontare una delle sue fasi più delicate e decisive: il passaggio al Senato.

E' in questa sede, infatti, che il progetto rischia di bloccarsi incontrando la forte opposizione da parte della minoranza repubblicana. La divergenza di opinioni tra democratici e repubblicani circa la politica da seguire per risollevare il mercato dell'auto è palese ed era già venuta a galla qualche tempo fa durante il primo faccia a faccia tra il presidente uscente George W. Bush ed il presidente eletto Barack Obama. Per rendersi conto della portata di tale contrasto basta citare un dato numerico: la Camera ha dato il via libera al pacchetto di aiuti con 170 contrari, di cui 150 arrivati dal fronte repubblicano e 20 da quello democratico.

L'opposizione da parte dei repubblicani in Senato è dunque molto forte e di certo uno degli aspetti più delicati che dovrà essere affrontato riguarderà la nomina dello "Zar dell'auto", ovvero di quell'uomo di grande capacità che dovrà essere nominato dal presidente per ottenere quei poteri politici necessari per dare vita ad una ristrutturazione adeguata delle compagnie e vigilare sul buon investimento dei soldi dei contribuenti. Un'identità, che c'è da aspettarsi, verrà molto contesa da entrambi gli schieramenti.

Autore:

Tag: Mercato , produzione , dall'estero


Top