dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 4 dicembre 2008

Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente

Molte le proposte per consumare meno e produrre meno emissioni

Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente
Galleria fotografica - Motor Show 2008: rispetto per l’ambienteGalleria fotografica - Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 1
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 2
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 3
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 4
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 5
  • Motor Show 2008: rispetto per l’ambiente - anteprima 6

Il Motor Show di Bologna affronta una tematica piuttosto cruciale per il futuro della circolazione con alcune soluzioni per la mobilità sostenibile. Da un lato c'è chi studia in modo molto approfondito l'automobile stessa per produrre un veicolo sempre migliore dal punto di vista tecnologico: è possibile aumentare l'efficienza della tecnologia dei motori (migliore combustione, materiali più leggeri), ridurre la massa del veicolo (facendo largo utilizzo di leghe leggere e materiale riciclabile), aumentare l'aerodinamica. Si ottengono così vetture in grado di rispondere adeguatamente a una molteplicità di esigenze: le auto da città sono ancora più economiche.

Le grandi berline o, al limite, le sportive, possono contare su una maggiore riserva di potenza ma con motori più piccoli. Le prestazioni non risultano penalizzate, emissioni e consumi calano. Al limite di questa ricerca, c'è chi lavora per poter produrre veicoli ad impatto zero che oggi hanno ancora uno status di concept del futuro ma che tra non molto potrebbero diventare automobili a misura di consumatore abituale. Oppure c'è chi si affida ai servigi di realtà affermate nel campo della tecnologia dell'alimentazione alternativa (metano o GPL), le quali hanno ormai raggiunto standard qualitativi elevati da poter garantire massima affidabilità di funzionamento a prezzi contenuti di installazione e di approvvigionamento carburante. Ecco le principali novità della rassegna bolognese:

VOLKSWAGEN GOLF BIFUEL
In anteprima mondiale debutta a Bologna anche la Golf BiFuel, la cui alimentazione a gas liquido/benzina, riduce drasticamente i costi e le emissioni. Se la Golf BiFuel viene alimentata con GPL, rispetto a un motore benzina si ottiene una riduzione di circa il 10% delle emissioni di CO2. Come per tutte le nuove Golf, il motore BiFuel rispetta la normativa Euro 5 sui gas di scarico. Il potente motore a quattro cilindri da 98 CV con funzionamento a gas della Golf BiFuel consuma in media 9,2 litri di gas liquido per 100 chilometri (149 g/km CO2).

SAAB 9.5 BIOPOWER GRIFFIN
Escono dal listino le versioni Nordic ed Aero di Saab 9-5 Berlina e Wagon per fare posto ad un unico più completo allestimento, denominato Griffin (grifone). Le nuove Saab 9-5 Griffin sono disponibili anche con motori 2.0 e 2.3 turbo con tecnologia BioPower, in grado di funzionare sia a benzina sia con E85 (85% etanolo, 15% benzina). A tutt'oggi, però, in Italia questo tipo di sistema di alimentazione è pressoché impossibile da utilizzare per la mancanza quasi totale di punto di rifornimento.

CHEVROLET GAMMA ECOLOGIC
Chevrolet porta al Motor Show l'intera gamma di modelli con alimentazione a GPL di fase 2 (significa offrire un'impianto GPL all'origine omologato direttamente dal costruttore): Nubira, Lacetti, Captiva, Kalos, Epica, Matiz e Kalos. Matiz 800 (tutte le versioni) Emissioni CO2 g/km 119 (123 nel caso di alimentazione a benzina); Matiz 1.0 (tutte le versioni) Emissioni CO2 g/km 129 (133); Aveo 1.2 (tutte le versioni) Emissioni CO2 g/km 116 (132); Lacetti 1.4 SX Emissioni CO2 g/km 154 (171); Nubira Station Wagon 1.6 SX Emissioni CO2 g/km 165 (181); Epica 2.0 LT Emissioni CO2 g/km 186 (195); Captiva 2.4 LT Emissioni CO2 g/km 204 (222).

OPEL CORSA ECOLOGIC, CORSA FLEXPOWER E ZAFIRA ECOM
Il marchio tedesco porta al Motor Show differenti livelli di sofisticazione tecnologica a favore della riduzione dei consumi e delle emissioni. Si va dai motori con tecnologia Flex Power (dove il grande lavoro di affinamento di componenti e funzionamento ha prodotto un deciso aumento dell'efficienza termodinamica a tutto vantaggio dell'economia di consumo), alla versione EcoLogic con alimentazione a metano, a una grande novità tecnologica: la Zafira EcoM è la prima auto turbocompressa che funziona anche a metano. Eroga 150 Cv di potenza e 210 Nm di coppia massima. L'allestimento adeguato, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza attiva: ABS, ripartitore elettronico di frenata EBD, controllo di stabilità ESP Plus e controllo di trazione TC Plus.

NISSAN NUVU E PIXO
La Nissan Nuvu è un'interessante novità italiana. Anticipa quella che sarà la prima auto da città prodotta da Nissan interamente a propulsione elettrica (sul tetto sono sistemati ulteriori pannelli fotovoltaici implicati nel funzionamento del climatizzatore). Sarà equipaggiata con batterie al litio, toccherà 120 km/h e raggiungerà 125 km di autonomia grazie a un pacchetto (molto compatto) di batterie al litio (commercializzazione nel 2010 in America e Giappone, entro il 2012 nel resto del mondo). Nissan, a questo proposito, ha costruito una partnership con NEC e fondato una società per la produzione di batterie. Nell'ambito della commercializzazione, Nissan pensa anche al lato più scomodo della faccenda: lo smaltimento. Si pensa, infatti di vendere al cliente la sola vettura e di "noleggiare" le batterie, che resteranno proprietà Nissan. Sarà quest'ultima, infatti, quale proprietaria a occuparsi della manutenzione e del successivo smaltimento.
Nell'immediato, Nissan presenta a Bologna la Pixo, una cinque porte con quattro posti molto compatta con motore 3 cilindri di un litro di cilindrata. Eroga 65 Cv e registra un valore di emissione pari ad appena 109 g/km di Co2 e un consumo medio pari a 4,6 litri di benzina ogni 100 km. Sarà disponibile in versione Visia e Acenta con due airbag frontali, ABS e servosterzo. La Acenta, in più, sarà equipaggiata anche con lettore CD-MP3, airbag laterali, telecomando apertura porte, alzacristalli anteriori elettrici e sedili posteriori sdoppiati e ribaltabili.

CITROEN C2 STOP START, C3 BIENERGY, C4 HYBRID D2 e GRAND C4 PICASSO Bi ENERGY M
La tecnologia Stop & Start non è certo una novità del mercato. Fu introdotta anni fa da Volkswagen sulla Golf ma non ottenne successo e fu accantonata. Molte case automobilistiche hanno in questi anni affinato il concetto portando questo innovativo sistema di risparmio di carburante a un livello di sofisticazione giudicato ormai pienamente soddisfacente. Ne beneficia, ad esempio la piccola Citroen C2. Sul segmento più elevato, Citroen offre anche l'opportunità di alimentare la trendy C3 con il metano. C4 HybriD2 associa una catena di trazione ibrida ad un motore Diesel Hdi, reale innovazione in termini di consumi e di emissioni di CO2; propone interessanti risultati a livello di consumi (3,4 l per 100 km) ed emissioni di CO2 (90 g/km). Grand C4 Picasso Bi Energy M, infine, con motorizzazione 1.8 16 valvole e doppia alimentazione Metano / Benzina può essere utilizzata in ogni luogo senza limitazioni. La potenza è di 92 kW, in caso di uso a benzina, e di circa 86,5 kW (117 cv) in caso di uso a metano.

PEUGEOT BLUE LION
Dallo scorso agosto le Peugeot ecologiche sono state tutte riunite sono la denominazione Blue Lion. Nello Stand Peugeot del Motor Show 2008 la Casa del Leone ha portato vari modelli virtuosi dal punto di vista ambientale: come ad esempio la 207 Station Wagon che dichiara un valore di emissione medio pari a 220 g/km di Co2 o, per chi lo utilizzerebbe per scopi professionali, il Bipper Tepee: appena 119 g/km. Non manca la 308 con tecnologia Stop & Start.

FORD FIESTA ECOKINETIC
Monta una versione speciale del motore Duratorq TDCi da 1,6 litri e 90 Cv. Registra un consumo medio dichiarato pari ad appena 3,7 litri per 100 km. Alla grande autonomia di carburante si abbina un livello di emissioni molto contenuto: appena 98 g/km di Co2. Scatta da 0 a 100 in 12"3 e tocca 178 km/h.

MERCEDES C250 CDI BLUE EFFICIENCY
La Mercedes C 250 CDI BlueEFFICIENCY monta un nuovo 4 cilindri 2.2 Bi-Turbodiesel da ben 204 Cv di potenza massima e 500 Nm di coppia. Tocca 250 km/h e sfonda il muro dei 100 orari con partenza da fermo in appena 7". Pero' è anche molto virtuosa: appena 138 g/km di Co2. Il consumo medio è di poco superiore ai 5 km/l di gasolio. Valori assolutamente interessanti per una berlina del segmento D di categoria Premium che si pone, quindi, in grande evidenza per riuscire a far collimare lusso e rispetto per l'ambiente.

FIAT PUR-02
E' il marchio che identifica un gruppo di versioni che per contenuti tecnologici e ridotti livelli di emissioni di CO2 si pongono all'avanguardia all'interno della gamma Fiat e in competizione nei rispettivi segmenti. Questi modelli, particolarmente dotati dal punto di vista dell'equipaggiamento, dispongono di sistemi atti a portare beneficio all'ambiente, ai consumi, al portafogli: dispositivo "Start&Stop" - sviluppato con l'Engineering&Design di Fiat Group Automobiles, Fiat Powertrain Technologies, Magneti Marelli e Bosch - e gli speciali "pack eco" che comprendono pneumatici verdi, olii a bassa viscosità, pacchetti aerodinamici e cambi a rapporti modificati. PUR-O2 sono anche alcune versioni della gamma della 500, della Bravo e della Croma che per le loro caratteristiche si distinguono per ridotte emissioni di CO2 e bassi consumi.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Eventi , mobilità sostenibile , motor show


Top