dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 1 dicembre 2008

E-jumping, il braccialetto che ti dice se hai bevuto troppo...

Al via la sperimentazione nella Provincia di Brescia

E-jumping, il braccialetto che ti dice se hai bevuto troppo...

Parte oggi la sperimentazione di un innovativo sistema di prevenzione della guida in stato d'ebbrezza (pratica tristemente diffusa soprattutto tra i giovani) che coinvolgerà 50 ragazzi nella Provincia di Brescia, ma che potrebbe anche trasformarsi in una rete più ampia di livello nazionale. Si chiama E-jumping ed è un progetto al cui centro c'è un singolare braccialetto che somiglia ad un orologio. Il suo aspetto ad un primo sguardo può apparire banale: è completamente nero e il suo quadrante è un rettangolo lucido senza però nessun tipo di indicazione oraria. In realtà, questo strumento è capace di rivelare a chi lo indossa se ha bevuto troppo alcol per guidare. Per capirlo basta soffiarci sopra a fine serata e, nel caso il tasso alcolemico superi il limite consentito dalla legge, si accende una lucetta rossa intermittente che invita ad astenersi dalla guida.

Il dispositivo, presentato questo weekend nel bresciano, è il frutto di un anno di lavoro nel Mobile Experience Lab del Massachusetts Institute of Thecnology (MIT) di Boston, invitato a dedicarsi a questa ricerca dall'Assessorato provinciale all'Innovazione di Brescia. Oltre al wearable device (questo il vero nome del braccialetto hi-tech), fanno parte del progetto E-jumping anche il telefono cellulare ed una piattaforma di social networking.

Altra funzione del dispositivo da polso, infatti, è la capacità di inviare un'istantanea richiesta di aiuto, attraverso un sistema bluetooth collegato al telefono cellulare, a tutti coloro che si saranno inseriti in una particolare rete a cui si accede registrandosi sul sito ridelink.ws. In pratica, quando si accende la spia rossa sul braccialetto, il cellulare invia un messaggio di sos agli amici selezionati e chi è più disponibile può correre dal compagno in difficoltà. Una sorta di "responsabilizzazione" collettiva, in cui ciascuno si prende cura dell'altro. Ma sarà davvero in grado di ridurre il numero delle stragi del sabato sera? Ai prossimi mesi il verdetto.

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , statistiche


Top