dalla Home

Attualità

pubblicato il 27 novembre 2008

Arriva la Social Card, ma non per gli automobilisti

La carta acquisti non può essere utilizzata per le spese legate alla mobilità

Arriva la Social Card, ma non per gli automobilisti

Social Card o Carta Acquisti. Chiamatela come volete, ma è già sulla bocca di tutti, anche degli automobilisti con figli a carico e reddito basso che si chiedono se potrà essere utilizzata in qualche modo per le spese legata alla mobilità personale o familiare. La risposta purtroppo è negativa, almeno per il momento, anche se nulla si può escludere per il futuro.

Introdotta con la manovra finanziaria per sostenere sia le famiglie che le persone anziane nella spesa alimentare e nei pagamenti domestici di luce e gas, la Social Card è concessa esclusivamente ai cittadini ultra 65 enni e ai nuclei familiari con figli di età inferiore ai 3 anni con un reddito ISEE che arriva ad un massimo di 6.000 euro, oppure a chi ha più di 70 anni ed un reddito ISEE fino a 8.000 euro. Si tratta di una carta prepagata che permette una spesa di 40 euro al mese nei negozi abilitati e di ottenere sconti negli esercizi commerciali che sostengono il programma Carta Acquisti. Inizialmente, per le domande effettuate prima del 31 dicembre saranno caricati sulla carta 120 euro equivalenti ai mesi di ottobre, novembre e dicembre, poi dal 2009 le ricariche effettuate dallo stato saranno di 80 euro ogni 2 mesi.

Ulteriori benefici o agevolazioni sono attualmente in corso di studio. Ci chiediamo allora: perchè non sfruttare i 120 euro delle prime Social Card anche per pagare il bollo? L'anno nuovo si avvicina e la tassa di proprietà sull'auto deve essere rinnovata anche dai meno abbienti. Non solo, per quelle persone che vivono nelle zone servite solo marginalemente dai mezzi pubblici, la prepagata statale potrebbe essere un aiuto per recuperare parte delle spese relative al carburante. Inoltre, si potrebbe ampliare il servizio con degli sconti particolari sui carburanti a favore dei beneficiari della carta: ovvero estendere il programma Carta Acquisti anche ai benzinai. Ci auspichiamo che queste idee possano rientrare nel novero delle future agevolazioni tuttora in via di definizione.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Attualità


Top