dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 novembre 2008

Kia Borrego FCEV

Il prototipo coreano a idrogeno dalla grande autonomia

Kia Borrego FCEV
Galleria fotografica - Kia Borrego FCEV Galleria fotografica - Kia Borrego FCEV
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 1
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 2
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 3
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 4
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 5
  • Kia Borrego FCEV  - anteprima 6

In tempi di crisi, non solo energetica, le case spingono di nuovo sull'idrogeno. L'ennesima dimostrazione è la Kia Borrego FCEV (Fuel Cell Electric Vehicle) presentata al Salone di Los Angeles che si tiene in questi giorni, prototipo alimentato attraverso celle a combustibile e basato su un SUV a 7 posti lungo 4,9 metri che la casa Coreana costruisce nello stabilimento che si trova nello stato della Georgia e commercializza da circa un anno in Nordamerica.

Primo elemento infatti a balzare agli occhi è la perfetta somiglianza con il modello di serie che monta un V6 3,8 litri da 276 CV o V8 da 337 CV, entrambi disponibili con trazione anteriore o integrale a innesto automatico. Le uniche differenze sono le decalcomanie applicate lateralmente e la placca sul portellone, come se la FCEV fosse una versione effettivamente presente in listino. Anche sollevato il cofano motore, il coperchio che copre l'apparato elettrochimico è del tutto simile a quello che sormonta un normale motore. Solo all'interno cambia un po' la strumentazione con una speciale visualizzazione sullo schermo centrale che consente di tenere sotto controllo lo stato del sistema.

Le celle a combustibile della Borrego sono in grado di erogare ben 154 CV, ben 47 in più rispetto alla precedente generazione facendo reagire al loro interno l'ossigeno contenuto nell'aria e l'idrogeno stivato a 700 atmosfere nei tre serbatoi da 202 litri sistemati sotto l'abitacolo della vettura, poco più avanti delle ruote posteriori, abbastanza per assicurare un'autonomia di ben 426 miglia (685 km), un vero record tra le vetture alimentate a idrogeno viste fin'ora. Il merito è dei supercapacitori a 450 Volt da 100 kW, degli speciali condensatori capaci di immagazzinare una grande quantità di energia. Un tecnologia molto interessante per il suo rendimento che può integrare o sostituire del tutto le batterie alla quale anche altre case stanno lavorando. Infatti l'intero sistema ha una resa del 62%, davvero notevole, soprattutto se si considera che solo i migliori Diesel raggiungono il 40%.

Kia dichiara di avere lavorato molto sul rendimento dello stack di celle a combustibile e anche sul suo comportamento a bassa temperatura, tradizionale tallone di Achille poiché la naturale produzione di vapore acqueo porta anche, con temperature esterne intorno allo zero, alla formazione di ghiaccio. Per limitare l'aumento del peso a 2250 kg, la Borrego FCEV ha ricevuto anche parti in alluminio. Il motore da 147 CV assicura buone prestazioni in accelerazione (da 0 a 100 km/h in circa 13 secondi) e in velocità (160 km/h). Che Kia sia determinata su questa strada lo dimostrano le dichiarazioni fatte dai vertici dell'azienda coreana: una piccola flotta Borrego FCEV sarà presto costruita e messa su strada in modo da accelerare al massimo il processo che porterà alla produzione e alla commercializzazione delle vetture ad idrogeno su larga scala.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Prototipi e Concept , Kia , idrogeno


Top