dalla Home

Mercato

pubblicato il 24 novembre 2008

Fiat prepara 3 modelli low cost

In arrivo entro il 2011 con prezzi inferiori ai 7.000 euro

Fiat prepara 3 modelli low cost

Non una, ma ben tre auto low cost. Fiat si prepara così ad affrontare la domanda del prossimo futuro e pianifica la produzione di tre modelli a prezzo stracciato da lanciare in Europa nel giro di due anni. Sergio Marchionne, CEO di Fiat Group, aveva già annunciato che la Casa di Torino stava progettando auto a basso costo, ma la decisione del manager di lanciare questo terzetto non solo nei marcati emergenti, ma anche nell'Europa occidentale, in un certo senso coglie di sorpresa. "Sto osservando attentamente i rapidi cambiamenti che stanno avvenendo nell'industria dell'auto e mi sono interrogato: 'da che parte dello scacchiere voglio stare?'", ha detto Marchionne intervistato da Automotive News Europe. La risposta è una vera e propria scommessa, per cui la crisi globale si intensificherà e i consumatori cercheranno sempre più prodotti a basso prezzo: anche nel settore dell'auto, anche nell'area fino ad oggi considerata la "più ricca" d'Europa. Ecco allora che, se Fiat aveva originariamente pianificato la costruzione di due auto low cost da lanciare in Brasile entro il 2011 (per poi commercializzarle nell'Europa dell'Est, in Russia, in Cina e in India), le recenti analisi di mercato hanno cambiato questi piani e sono nati i tre progetti.

Fiat ed il suo partner brasiliano FIASA hanno già iniziato a lavorare ai primi due, chiamati in codice: "326" e "327". Il progetto 326 riguarda la costruzione di un'auto, forse nell'impianto di Zastava, che prenderà il posto della Palio, vettura lanciata nel 1996, e che sarà pronta per il mercato nel 2010. Il 327 è invece il progetto di un'auto che raccoglierà il testimone della Uno, un modello rimpiazzato nel nostro mercato dalla Punto che però è ancora in vendita come bestseller in Brasile. Proprio quest'ultima nuova vettura potrebbe essere assemblata in Italia. Fonti vicine all'azienda e riportate da Automotive News Europe dicono che quasi certamente la sua costruzione avverrà nello stabilimento di Mirafiori.

Il look della 326 e della 327, inizialmente progettate per i soli mercati emergenti, subirà qualche modifica per il mercato europeo d'occidente, mentre il terzo modello low cost sarà studiato appositamente per i clienti europei ed avrà emissioni di CO2 molto contenute. La base sarà quella della Seicento, una vettura prodotta in 40 mila unità all'anno presso lo stabilimento di Tychy, in Polonia, e venduta al prezzo di listino più basso di Fiat: circa 7.690 euro. La nuova low cost, invece, costerà meno di 7.000 euro e arriverà nelle concessionarie probabilmente entro la fine del 2011, al più tardi per il 2012. Se verrà assemblata in Polonia o in Serbia è ancora incerto.

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , produzione


Top