dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 21 novembre 2008

Calendario Pirelli 2009

Bellezza di donna all'insegna dell'ecosostenibilità

Calendario Pirelli 2009
Galleria fotografica - Calendario Pirelli 2009Galleria fotografica - Calendario Pirelli 2009
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 1
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 2
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 3
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 4
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 5
  • Calendario Pirelli 2009 - anteprima 6

Oggetto di culto da oltre 40 anni, il Calendario Pirelli conquista con ogni sua edizione innumerevoli amanti della fotografia, della bellezza e dell'evoluzione del costume, oltre che dell'auto. Le ragioni di questo successo sono molte, ma in particolare sono due gli ingredienti che ne fanno ogni volta una ricetta gradita: modelle stupende e paesaggi straordinari. Le protagoniste di The Cal 2009 - questo il nome con cui è conosciuto in tutto il mondo - sono sette donne bellissime di fama internazionale che sono state immortalate negli scatti del celebre fotografo Peter Beard, uno dei più grandi interpreti mondiali del mistero e del fascino dell'Africa, ovvero del set scelto per fare da cornice al 36simo "The Cal".

Le 56 tavole di Beard, che per trent'anni ha vissuto in Kenya, sembrano un vero e proprio calendario-diario, che lo stesso autore ha definito "una scultura vivente". Per dieci giorni le sette modelle sono state fotografate immerse negli splendidi paesaggi del Botswana, accanto ad animali selvatici e alberi secolari di grande impatto visivo. Giudicato nel complesso, The Cal 2009 è un interessante collage denso di ritratti, citazioni e osservazioni dell'artista sull'ambiente, i cambiamenti climatici, la sovrappopolazione del globo e l'impoverimento delle risorse naturali. "La mia vera preoccupazione è la distruzione della natura a livello globale", ha detto. "Abbiamo dimenticato totalmente su cosa si basa l'evoluzione e quanto sia importante la diversità in natura. E' il concetto alla base della sopravvivenza".

L'impegno del fotografo per la tutela dell'ambiente e l'attenzione di Pirelli a questo delicato tema d'attualità si sono tradotti, durante le fasi di realizzazione e produzione del Calendario, in una serie di accorgimenti mirati a contenere l'impatto ambientale. In linea con questo messaggio, anche il Calendario Pirelli e la serata di Gala legata alla sua presentazione in anteprima mondiale a Berlino sono a Impatto Zero. Pirelli, infatti, aderendo al progetto di LifeGate, contribuirà alla creazione e alla tutela di un'area forestale in Costa Rica che sarà in grado di assorbire le emissioni di CO2 generate dall'attività di produzione e stampa del Calendario e dall'evento di presentazione. Inoltre, il Calendario verrà stampato su carta porosa naturale e non contenente piombo. Segno che la mobilità sostenibile passa anche per la fotografia.

[Via OmniMoto.it]

Autore:

Tag: Curiosità , mobilità sostenibile , calendari


Top