dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 17 novembre 2008

Innovation Cube, un nuovo modo di conoscere le tecnologie

Presto al Motor Show di Bologna

Innovation Cube, un nuovo modo di conoscere le tecnologie

"H2Roma energy&mobility show" insieme al Motor Show di Bologna per Innovation Cube, il nuovo format espositivo delle tecnologie per la mobilità ecosostenibile che è stato presentato in Piazza del Popolo per la settima edizione di "H2Roma energy&mobility show" e che vedremo in occasione della 33a edizione del Salone Internazionale dell'Automobile di Bologna (dal 5 al 14 dicembre 2008).

Alla presentazione di Innovation Cube c'erano il prof. Fabio Orecchini - responsabile scientifico di Innovation Cube, Giada Michetti - Amministratore delegato di Promotor International S.p.A e Gabriele Bordon - Responsabile Progetto H2Roma. Secondo Fabio Orecchini: "La ricerca e l'innovazione sono le chiavi per il successo dell'automobile nei prossimi decenni. Il Cubo dell'Innovazione darà visibilità all'importanza strategica del "prodotto auto", che può ispirare e trainare nella sua evoluzione tecnologica molti settori industriali. Il pubblico del Motor Show 2008 avrà la possibilità di condividere per la prima volta ed in maniera unica al mondo l'avventura evolutiva dell'auto. Il visitatore verrà letteralmente "immerso" nel meglio della tecnologia presente al Salone, potrà visitare attorno al cubo spazi espositivi espressamente dedicati all'alta tecnologia da case auto, centri di ricerca e università ed ogni giorno nell'area incontri potrà dialogare con protagonisti dell'innovazione, del giornalismo e della ricerca".

Innovation Cube nasce per svolgere il tema dell'innovazione tecnologica secondo quattro filoni: ambiente, sicurezza, infomobilità e design. I visitatori potranno vivere nel Cubo tre momenti cognitivi diversi: esposizione, esperienza e approfondimento ed entrare in questo modo a contatto con le soluzioni più innovative e tecnologicamente avanzate elaborate dai costruttori automobilistici e dai centri di ricerca.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , h2roma , bologna


Top