dalla Home

Motorsport

pubblicato il 17 novembre 2008

Aston Martin Vantage GT4

La Casa di Gaydon presenta la sua arma per il GT4

Aston Martin Vantage GT4
Galleria fotografica - Aston Martin Vantage GT4Galleria fotografica - Aston Martin Vantage GT4
  • Aston Martin Vantage GT4 - anteprima 1
  • Aston Martin Vantage GT4 - anteprima 2
  • Aston Martin Vantage GT4 - anteprima 3
  • Aston Martin Vantage GT4 - anteprima 4

Ad Aston Martin non è bastato vincere la 24 Ore di Le Mans e rilancia la propria presenza nelle competizioni GT con la nuova Vantage GT4, la berlinetta derivate dalla V8 che succede alla N24 e proprio in questi giorni sta finendo il lavoro di sviluppo durato sei mesi sul tracciato di Dubai. A svelarla nella città che si affaccia sul Golfo Persico è stato lo stesso David Richards, uno che, oltre a mangiare pane e corse da una vita - è padrone e fondatore della Prodrive, che gestisce le squadre ufficiali di Subaru nel WRC e di Aston Martin nel GT1 - è anche il presidente e capofila del consorzio che ha rilevato il marchio inglese da Ford.

La principale differenza rispetto alla N24 è la cilindrata del motore, portata da 4,3 litri a 4,7 litri che ha consentito un aumento della potenza, ma anche della coppia con una curva di erogazione più ampia. È stata naturalmente mantenuta la lubrificazione a carter secco. Due le soluzioni offerte per il cambio: manuale a 6 rapporti o sequenziale con levette sul volante e in entrambi i casi la frizione è bidisco da competizione in materiale cera-metallico con volano alleggerito. Anche le sospensioni sono state riviste con la sostituzione dei montanti anteriori e del sottotelaio per avere camber e caster adatti all'uso in pista, l'aggiunta di barre antirollio di maggiori dimensioni, ammortizzatori regolabili in altezza e molle rovesciate con supporto ausiliario per regolarne la rigidezza. I cerchi ruota sono in magnesio e gli pneumatici sono gli Yokohma A048-R. I freni hanno pastiglie da competizione Pagid RS 29, dischi anteriori di maggiori dimensioni e accorgimenti che ne favoriscono il raffreddamento. Anche sulla vettura sono stati mantenuti tutti i sistemi elettronici di controllo per l'antibloccaggio, la ripartizione della frenata, la trazione e la stabilità. Oltre alle modifiche sull'autotelaio, per diminuire il peso della vettura fino a 1330 kg (300 kg in meno) sono stati tolti i rivestimenti interni e sostituiti i pannelli porta e la plancia con parti alleggerite. Il sedile di guida è naturalmente da competizione della Recaro completo di cinture di sicurezza a 6 punti con sistema di sgancio a pulsante e il volante ha la corona rivestita in scamosciato ed è provvisto, come da regolamento, di un meccanismo di sgancio veloce. La dotazione di sicurezza è completata dal roll bar in acciaio ad alta resistenza e dall'estintore.

Il prezzo di base della vettura pronto corsa è di 96.645 sterline (circa 113mila euro) e gli ordini sono già aperti in modo da poter procedere alla consegna delle vetture da gennaio 2009. L'Aston Martin Vantage GT4 è stata pensata per gareggiare nel campionato europeo e negli altri campionati nazionali come quello britannico, tedesco e olandese oltre che il Britcar Endurance Series, il Dutch Supercar Challenge, il VLN Endurance Championship al Nürburgring, il campionato australiano Endurance, quello americano SCCA e per l'Aston Martin Owners Club Race Series riservato ai possessori delle vetture di Gaydon.

Vale la pena ricordare che Aston Martin è l'unico costruttore a partecipare in tutti i campionati FIAT GT (GT1 , GT2, GT3 e GT4) e vuole completare la sua collezione facendo divertire i gentleman driver di tutto il mondo dopo aver fatto sua la 24 Ore di Le Mans che le mancava dal 1959. A vincerla allora con la DBR1 c'erano il britannico Roy Salvadori e un ragazzone americano di nome Carrol Shelby che nei decenni successivi ha firmato tra le vetture americane più famose di tutti i tempi come la AC Cobra, la Ford GT40 (vincitrice a Le Mans per 4 anni di seguito dal 1966 al 1969), le Ford Mustang più sportive e la Viper.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Motorsport , Aston Martin , fia gt


Top