dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 11 novembre 2008

Segnali stradali? Utili... a perdersi

Il 61% degli automobilisti Ue sbaglia strada per colpa delle cattive indicazioni

Segnali stradali? Utili... a perdersi

Sono troppi. Sono mal collocati. Sono coperti dalla pubblicità. Sono i cartelli stradali, accusati da migliaia di automobilisti di essere la loro principale causa di confusione quando guidano in zone poco conosciute. Un problema che non è soltanto italiano, ma europeo. A segnalarlo è la seconda indagine sulla segnaletica stradale dell'Ue condotta nell'ambito del programma EuroTEST, realizzato dall'ACI e da altri 17 Automobile Club europei sotto l'egida della Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA). Tra giugno e luglio di quest'anno, EuroTEST ha coinvolto 16 mila conducenti in 16 paesi diversi (Austria, Belgio, Croazia, Francia, Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia e Svizzera) ed ha raccolto più o meno le stesse risposte.

Dalla ricerca è emerso che il 61% degli automobilisti considera la sovrabbondanza dei cartelli e la loro cattiva collocazione la causa principale di confusione. A complicare le cose ci si metterebbe poi anche la grafica, diversa da nazione a nazione, mentre, a volte, a disturbare sarebbero le troppe informazioni che non permetterebbero agli automobilisti di decidere in tempo che cosa fare. Per questo "urgono misure volte ad introdurre un programma di complessiva revisione della segnaletica stradale, che preveda la sostituzione dei cartelli più vecchi e la rimozione di quelli che arrecano confusione", come ha detto Enrico Gelpi, il presidente dell'ACI, ricordando quanto è importante la segnaletica stradale per la sicurezza. "E' inoltre necessaria la revisione dei limiti di velocità, rendendoli coerenti con le caratteristiche delle strade", ha aggiunto.

Tuttavia, nonostante il difficile rapporto con la segnaletica, gli automobilisti, secondo EuroTEST, preferiscono orientarsi nei momenti di incertezza con i cartelli stradali, piuttosto che con il sistema di navigazione satellitare. Questo vale anche per chi viaggia in Italia, anche se proprio il nostro paese è finito al primo posto nella classifica del cartello stradale più "bizzarro" d'Europa. Ai partecipanti all'indagine, infatti, è stato chiesto di votare il segnale stradale più strano e incomprensibile ed ha vinto un cartello italiano piuttosto vago che si trova sulla strada Cuneo-Asti in Piemonte. Il cartello (a sinistra nella foto di copertina) è così malridotto da non riportare ormai null'altro che uno sfondo blu con un oggetto rosso/arancione simile ad una luna... Secondo e terzo posto sono andati invece a due segnali di direzione molto contraddittori provenienti da Austria e Regno Unito.

Per leggere il testo integrale dell'indagine sulla segnaletica 2008 clicca qui.

Autore:

Tag: Curiosità , codice della strada , viaggiare , statistiche , dall'estero


Top