dalla Home

Test

pubblicato il 10 novembre 2008

Volvo V70 D5 Summum

Atmosfere svedesi in una familiare comoda, spaziosa e sicura

Volvo V70 D5 Summum
Galleria fotografica - Volvo V70 D5 SummumGalleria fotografica - Volvo V70 D5 Summum
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 1
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 2
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 3
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 4
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 5
  • Volvo V70 D5 Summum - anteprima 6

Alziamo lo sguardo, proiettiamoci a nord dell'Europa e non pensiamo alle "solite" Station Wagon tedesche. Il marchio Volvo, soprattutto nei segmenti D-E, è un punto di riferimento da decenni, forte anche di qualità e doti davvero encomiabili. Quante volte abbiamo sentito commenti del tipo: "con una Volvo contro un muro? Povero muro! ". Auto quasi indistruttibili, di qualità, forse non sportivissime o con la "tigre nel motore" come machiavellicamente esortava una nota azienda petrolifera in un suo spot, ma in grado di macinare chilometri e chilometri offrendoti garanzia di affidabilità totale. Poi i tempi sono cambiati: i bisogni si sono moltiplicati, i clienti sono diventati sempre più esigenti, le auto sempre più numerose e uguali tra loro. Distinguersi, bisogna! Così la qualità tedesca è diventata una specie di dogma. E tutti a occhi chiusi a comprare a Ingolstadt, Stoccarda o Monaco (segmento Premium, ovviamente). Ma anche Volvo è della partita, e la prova di OmniAuto.it mista tra città, autostrada ed extraurbano lo ha dimostrato.

COM'E'
La Volvo V70 non ha nulla a che invidiare alle concorrenti di segmento, ci teniamo a sottolinearlo. E viceversa, naturalmente. Eppure siamo così abituati alle sensazioni dell'ambientazione teutonica che la sorpresa di un abitacolo Volvo è stata doppia. Perché oltre a offrire qualità, ergonomia, sicurezza (in quest'ultimo caso, forse, anche con qualche punta di eccellenza in più), si è dimostrata straordinaria dal punto di vista del comfort di bordo, della comodità dei suoi sedili studiati a puntino, sia davanti, sia come passeggeri sui sedili posteriori. I sedili tedeschi denotano un pizzico di rigidità oltre la soglia della perfezione, certe altre poltrone italiane o francesi sono oltremodo votate al comfort producendo l'effetto contrario di una tipica seduta con tendenza "a sprofondare". "In medio stat virtus", dicevano gli antichi, ed è in quel mezzo che potrebbe collocarsi un abitacolo Volvo. Naturalmente, appaga anche la disposizione di tutti gli strumenti di bordo, una freddezza che il marketing ha sapientemente trasformato in grande razionalità e sensazione "minimal". Relax che appare anche maggiore la sera grazie alla luce soffusa della strumentazione. Scandinava fino al midollo, in sostanza, una piacevolezza che non saresti in grado di motivare se non con difficoltà ma forse è proprio questo il lato più appagante. Come il sentimento amoroso, del resto: è una sensazione che non si spiega, la si vive con piacere e trasporto. Punto. L'eden automobilistico, pare la conclusione. Invece qualche difettuccio l'abbiamo riscontrato, come ad esempio le plastiche della plancia, un po' rigide al tatto o il navigatore satellitare, il quale necessita che inizialmente può sembrare non troppo intuitivo nell'utilizzo. La V70 D5 Summum, nello specifico, è equipaggiata con alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, bracciolo centrale anteriore con vano portaoggetti e posteriore con portabicchieri e vano portaoggetti, chiusura centralizzata con telecomando, climatizzatore automatico a controllo elettronico ECC, computer di bordo, cruise control, freno di stazionamento elettrico, IAQS (Interior Air Quality System) - Dispositivo di controllo della qualità dell'abitacolo, specchi di cortesia lato guida e passeggero illuminati. Niente male.

COME VA
Il 5 cilindri Turbodiesel Volvo risulta in linee con le aspettative e le "pretese" che si potrebbero avere su di un'auto di questo segmento: è potente (185 CV) e possente nell'erogazione (400 Nm), ma senza quell'intonazione prettamente sportiva che certi propulsori di oggi vantano in questo segmento. Lo scatto da 0 a 100 km/h con cambio automatico Geartronic a 6 marce (presente sul nostro esemplare) viene coperto in circa 10 secondi e la punta massima è fissata in 215 km/h; il consumo verificato, invece, è stato solo di pochissimo superiore ai 7,7 litri di gasolio ogni 100 km dichiarati. L'unico suo difetto riscontrato, ad essere proprio pignoli, potrebbe essere un certa rumorosità di funzionamento, rombo un po' agreste e sgraziato per una vettura di classe così nobile; un cilindro in più avrebbe di certo addolcito le cose.
Il cambio automatico geartronic, dal canto suo, è confortevole e dolce negli innesti, fedele compagno di viaggio e complice dell'elevato comfort di questa Volvo. Aiuta nella guida in autostrada dove in abbinamento al cruise control e alla sopraccitata abitabilità offre sensazioni davvero rassicuranti.. Sul misto poi, si apprezza la buona precisione dello sterzo in curva e la risposta del telaio, dotato di un setup tarato per la guida tranquilla e disimpegnata. In città si guida con "scioltezza" grazie anche ai moderni sistemi di ausilio alla circolazione: dispositivo BLIS, sensori di parcheggio, frizione automatica, fanno egregiamente il loro dovere per incrementare la sensazione di qualità percepita, di praticità e versatilità. Senza dimenticare l'importanza di un bagagliaio molto ampio, che diventa gigantesco nella versione Station Wagon: altamente flessibile dispone, infatti, di schienale suddiviso in tre parti, della possibilità di sfruttare intelligentemente tutti gli spazi grazie alla rete contenitiva o alla barriera metallica sistemabile lungo il centro del vano di carico (per la sistemazione di carichi pesanti e che esigono posizione fissa e sicura) e del portellone ad azionamento elettrico, davvero molto comodo. Ragioniamo, in definitiva, a livello dei canonici standard di una moderna grande vettura del segmento E di categoria Premium, dove non è consentito sbagliare e dove Volvo si impegna a fondo per eccellere.

SICUREZZA MADE IN VOLVO
La versione Summum della nostra prova è equipaggiata con il sistema BLIS, che utilizza la tecnologia delle telecamere digitali per tenere sotto controllo gli angoli ciechi della visuale dal posto guida (Volvo, del resto, fu la prima Casa automobilistica a fornire di grandangolo lo specchio retrovisore laterale del conducente, già nel 1979). Il sistema si avvale di una telecamera digitale installata in ciascuno degli specchi laterali della vettura. Quando un altro veicolo entra all'interno del cosiddetto "angolo morto" (una zona lunga 9,5 metri e larga 3), vicino allo specchio retrovisore centrale si accende una spia che avvisa tempestivamente che un altro veicolo sta sopraggiungendo. Il sistema non rileva solo i veicoli nascosti alla normale visuale del pilota ma anche quelli oggetto di una manovra di sorpasso; sono fatti salvi oggetti come vetture parcheggiate, guardrail, barriere fisse, lampioni, ecc. Il sistema è attivo a tutte le velocità superiori ai 10 km/h ed entra in azione dietro lo stimolo di veicoli con velocità inferiore fino 20 km/h o superiore a 70 km/h oltre la velocità della propria Volvo. Della dotazione di bordo fanno parte anche: DSTC (Dynamic Stability and Traction Control) - Sistema di controllo dinamico della stabilità e trazione, EBA (Emergency Brake Assistance), EBL (Emergency Brake Lights), Fari fendinebbia, IDIS (Intelligent Driver Information System), Luci stop a LED, Punti di ancoraggio ISO-fix nel divano posteriore, Rete di protezione vano bagagli avvolgibile, vetri laterali temperati, WHIPS (Whiplash Protection System) - Dispositivo integrato per la protezione contro il colpo di frusta.

QUANTO COSTA
Qualità scandinava e biglietto d'ingresso nel salotto buono delle atmosfere Premium si pagano ma un po' meno della concorrenza: la V70 D5 costa 41.050 euro. Per aggiungere il cambio automatico Geartronic sono necessari 2.050 euro, per la trazione integrale AWD, 2.550 euro. L'allestimento Summum richiede altri 5.600 euro, ma a questa cifra non dovrete aggiungere davvero nulla, o quasi.

Scheda Versione

Volvo V70
Nome
V70
Anno
2007 (restyling del 2013)
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Volvo


Listino Volvo V70

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
D2 Polar anteriore diesel 115 1.6 5 € 39.400

LISTINO

D2 Polar anteriore diesel 120 2.0 5 € 39.650

LISTINO

D3 Polar anteriore diesel 136 2.0 5 € 40.800

LISTINO

D2 Business anteriore diesel 120 2.0 5 € 41.000

LISTINO

D3 Polar anteriore diesel 150 2.0 5 € 41.150

LISTINO

D2 Polar Plus Edition anteriore diesel 115 1.6 5 € 41.550

LISTINO

D2 Powershift Polar anteriore diesel 115 1.6 5 € 41.600

LISTINO

D2 Geartronic Polar anteriore diesel 120 2.0 5 € 41.850

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top