dalla Home

Motorsport

pubblicato il 9 novembre 2008

Campionato 2009 di Formula 1

Nuove regole e calendario aggiornato

Campionato 2009 di Formula 1

Concluso il campionato di quest'anno già si lavora a quello che inizierà il prossimo 29 marzo a Melbourne. Sempre più in espansione, il Circus, che toccherà nel 2009 ben 17 nazioni coprendo in pratica i 3/4 del mondo, sarà presente 8 volte nell'Unione Europea ormai allargata verso Est, 3 volte in Medio Oriente, 1 nelle Americhe, e ben 5 volte in Estremo Oriente e Australasia. Non rientra in calendario, nonostante i contatti fra gli organizzatori ed Ecclestone, il GP del Canada e non viene organizzato, per motivi economici, il GP di Francia.

Sicuramente assisteremo, nei prossimi anni, ad un incremento del numero di eventi e ad una ancor più articolata loro distribuzione geografica in funzione dell'attrattiva che la Formula 1 ha nei confronti delle economie emergenti e della capacità di produzione e redistribuzione della ricchezza a livello mondiale. Parimenti registreremo, dopo il positivo esperimento di Singapore e forse non dal prossimo anno, ad un incremento del numero dei gran premi effettuati in notturna, da tempo un pallino per Bernie Ecclestone.

GIUDICI DI GARA MEGLIO "ADDESTRATI"
sotto il profilo procedurale e di disciplina sportiva, la volontà di meglio istruire i giudici di gara, in modo da ridurre i rischi di decisioni inappropriate relative a comportamenti ritenuti censurabili in pista o ai box; in pratica i futuri giudici di gara dovranno assistere almeno ad un Gran Premio in qualità di osservatori prima di poter entrare nel ruolo mentre gli "aspiranti" saranno invitati ad assistere ad almeno cinque gare del 2009; un training sul campo che dovrebbe quindi permettere a chi rivestirà funzioni così delicate di farlo con ragionevole cognizione di causa; altro aspetto "procedurale" non di poco conto il fatto che questi giudici dovranno fornire le loro decisioni nell'arco della manifestazione stessa; in questo saranno aiutati da un nuovo sistema di replay che consentirà loro di visionare le varie fasi degli episodi "incriminati" evitando così di influenzare, a posteriori, l'andamento del campionato;

UN MOTORE PER TRE EVENTI
Il regolamento tecnico 2009 dispone che i motori debbano durare tre eventi invece degli attuali due e quindi tre gran premi (da non confondere "eventi" come prove libere, qualifiche e gara); la cosa più interessante da notare è che questa regola nasce da una richiesta della FOTA (Organizzazione che raggruppa la quasi totalità dei team partecipanti al mondiale), accolta dalla FIA in quanto allineata alla nuova filosofia di contenimento dei costi perseguita dalla stessa FIA.

ALTRE MODIFICHE IN ARRIVO
A questo proposito è opportuno ricordare altre decisioni a suo tempo assunte dal Consiglio Mondiale della FIA sia per il contenimento dei costi e sia per il recupero del ruolo del pilota (leggi sorpassi) e quindi dello spettacolo:
- Modifiche dell'aerodinamica, con abolizione di tutte le superfici (ali, alette convogliatori di flusso ecc.) sporgenti dalla linea della carrozzeria ad eccezione degli alettoni anteriore e posteriore peraltro ridotti nelle dimensioni e semplificati nell'architettura;
- Ritorno agli pneumatici slick;
- Introduzione del cosiddetto Kers, sistema di recupero dell'energia derivante dall'azione frenante

Tutte queste modifiche, sulle quali la FIA sta ancora lavorando, dovranno - per poter essere ratificate entro il 31 dicembre - essere condivise con i team e definite entro il 19 dicembre.

Di seguito il calendario dettagliato:

29 marzo: Australia
5 aprile: Malesia
19 aprile: Bahrain
10 maggio: Spagna
24 maggio: Monaco
7 giugno: Turchia
21 giugno: Gran Bretagna
28 giugno: Francia
12 luglio: Germania
26 luglio: Ungheria
23 agosto: Europa (Valencia)
30 agosto: Belgio
13 settembre: Italia
27 settembre: Singapore
11 ottobre: Giappone
18 ottobre: Cina
1 novembre: Brasile
15 novembre: Abu Dhabi

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Motorsport , formula 1


Top