dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 5 novembre 2008

Nissan ECO Micra RDS ed ECO Note

Ad H2Roma debutta la gamma "ecologica" per il mercato italiano

Nissan ECO Micra RDS ed ECO Note
Galleria fotografica - Nissan Note restylingGalleria fotografica - Nissan Note restyling
  • Nissan Note restyling - anteprima 1
  • Nissan Note restyling - anteprima 2
  • Nissan Note restyling - anteprima 3
  • Nissan Note restyling - anteprima 4
  • Nissan Note restyling - anteprima 5
  • Nissan Note restyling - anteprima 6

Debutta ad H2ROMA la nuova gamma ECO di Nissan destinata al mercato italiano, in risposta alla sempre più forte richiesta di veicoli "bifuel". La scelta del Costruttore giapponese è ricaduta su due modelli compatti, Micra e Note, ai quali viene applicato un sistema di alimentazione a GPL realizzato in collaborazione con l'azienda specializzata Landi Renzo: si tratta, in ogni caso, di autovetture nuove omologate direttamente dal costruttore, che pertanto godono dell'incentivo statale di 1.500 euro, valido per i contratti stipulati entro il 31 dicembre 2009 con possibilità di immatricolazione entro il 31 marzo 2010.

I motivi che hanno spinto Nissan a scegliere l'impiego di un sistema a GPL anziché a metano sono molti. Tra questi, la possibilità di alloggiare i serbatoi di dimensioni inferiori nel vano destinato normalmente alla ruota di scorta, ma anche la distribuzione capillare, su strade e autostrade, degli impianti di rifornimento e il minor decadimento delle prestazioni, inferiori di circa il 2-3% rispetto al corrispondente modello a benzina. Il tutto con impatto ambientale minimo: il GPL non emette particolati pesanti, benzene, zolfo e aldeidi, presenti invece nei carburanti ordinari.

L'impianto GPL è prodotto da Landi Renzo ed impiega un sistema ad iniezione elettronica sequenziale fasato di nuova generazione per adattarsi in modo ottimale al funzionamento a GPL o a benzina. Per passare da un tipo di alimentazione all'altro è utilizzato un commutatore che si trova vicino alla pulsantiera degli accessori di bordo; oltre al passaggio manuale a gas mediante un pulsante al centro, il comando permette di leggere alcune informazioni, tramite LED, sull'impianto, ossia il livello del gas nel serbatoio, con indicatore riserva e la modalità di funzionamento. Inoltre un cicalino avverte del passaggio all'alimentazione a benzina quando termina il gas. Il serbatoio toroidale è posto nel bagagliaio, con tamponature in materiale espanso aggiunte nel pianale di carico per contribuire al suo irrigidimento e per consentire una disposizione ordinata dei diversi elementi, quali attrezzi e martinetto; la ruota di scorta è ancora fornita di serie, ma in una borsa esterna - che costituisce un ingombro in più nel normale vano bagagli.

Le prestazioni dei modelli ECO sono praticamente in linea con quelle delle corrispondenti versioni a benzina. Ad aumentare sono più che altro i consumi (all'incirca del 20%), poiché il motore "CR" è stato progettato in origine per l'impiego esclusivo di benzina, dal diverso rapporto stechiometrico. Poiché il serbatoio di GPL, per legge, può essere riempito solo fino all'80% della capienza massima, al fine di garantire l'eventuale variazione di massa del gas, l'autonomia non può essere calcolata a serbatoio completamente pieno. In ogni caso, la ECO Note dovrebbe percorrere, con il solo GPL (38,4 litri), circa 685 km, che diventano 1465 km utilizzando anche tutta la benzina; l'autonomia a GPL per la Micra è un poco inferiore (560 km, che diventano 1341 km utilizzando la benzina), poiché il serbatoio è più piccolo (può contenere fino a 32 litri). I costi di gestione, invece, sono a netto favore del GPL, che attualmente ha un prezzo di circa il 50% inferiore rispetto alla benzina: con 10 euro di gas, la ECO Micra RSD può percorrere, almeno teoricamente, oltre 258 km. Il rifornimento avviene attraverso un piccolo bocchettone posto a fianco di quello per la benzina; essendo di dimensioni più piccole rispetto ai normali erogatori, è fornito di serie anche un riduttore per fissare la bocchetta alla pompa. Ovviamente, l'impianto è a norma ECE/ONU 67/01, mentre la garanzia rimane quella ufficiale Nissan di 3 anni o 100.000 km; la Casa consiglia però un intervento in officina ogni 10.000 km per l'aggiunta di specifici additivi.

NISSAN ECO MICRA RDS
La Nissan Micra ECO nasce in collaborazione con il network radiofonico RDS ed è basata sulla Micra Jive con carrozzeria a 3 o 5 porte; il motore è il consueto 1.2 litri, con cambio manuale a 5 marce. Esternamente ed internamente le differenze principali consistono nella presenza del logo ECO e di quello RSD in vari punti della carrozzeria e nell'abitacolo (vicino al porta bibite, sugli inediti tappetini...). La vettura è poi personalizzabile esattamente come la Jive 1.2 a benzina, a parte l'impossibilità di ottenere il cambio automatico. Rispetto alla Jive "normale", il prezzo sale di 1.750 euro, che diventano 250 sottraendo l'incentivo statale.

NISSAN ECO NOTE
La monovolume compatta Note avrà la sua versione ECO in abbinamento con tutti gli allestimenti dotati di motore 1.4. Anche in questo caso, è il logo "ECO" in coda e ai lati a contraddistinguere la versione "bifuel" rispetto a quelle a benzina. Prezzi e accessori restano quelli previsti per le Note 1.4, mentre l'aumento di prezzo è analogo a quello della Micra ECO: 1.750 euro, meno gli incentivi.

Galleria fotografica - Nissan Micra restylingGalleria fotografica - Nissan Micra restyling
  • Nissan Micra restyling - anteprima 1
  • Nissan Micra restyling - anteprima 2
  • Nissan Micra restyling - anteprima 3
  • Nissan Micra restyling - anteprima 4
  • Nissan Micra restyling - anteprima 5
  • Nissan Micra restyling - anteprima 6

Scheda Versione

Nissan Note
Nome
Note
Anno
2004 (restyling del 2008) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Sergio Chierici

Tag: Anticipazioni , Nissan , gpl , h2roma


Top