dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 4 novembre 2008

Peugeot 107 restyling

Come la cugina Citroën C1, è arrivato il tempo di rinnovarsi

Peugeot 107 restyling
Galleria fotografica - Peugeot 107 restylingGalleria fotografica - Peugeot 107 restyling
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 1
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 2
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 3
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 4
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 5
  • Peugeot 107 restyling - anteprima 6

Come previsto, se Citroën C1 chiama, la Peugeot 107 risponde e si rinnova all'unisono con la cugina dopo 3 anni e 322mila esemplari prodotti con piccoli miglioramenti estetici e per l'abitacolo, oltre che leggere modifiche al motore 1000 di origine Toyota per abbassarne leggermente consumi ed emissioni. Così come la piccola Citroën costruita insieme alla Toyota Aygo condividendo il 92% dei componenti e lo stabilimento di Kolin, nella Repubblica Ceca, la Peugeot 107 rinnovata sarà presente al prossimo Motor Show di Bologna per respingere la sfida delle numerose nuove arrivate nella categoria delle city car lunghe 3 metri e mezzo come Hyundai i10, Ford Ka, Nissan Pixo, Renault Twingo e Suzuki Alto.

Balza agli occhi prima di tutto il nuovo frontale, decisamente più aggressivo e in linea con i canoni stilistici delle altre Peugeot grazie alle prese laterali ai lati della nuova calandra attraversata dal paraurti dotato di un profilo cromato. Dietro invece lo scudo mantiene il profilo in plastica nera. Novità anche per i colori con due nuove tinte per la carrozzeria (arancio Mandaline e blu Electra) per un totale di otto e nuovi accoppiamenti per l'abitacolo con nuovi tessuti e anche la possibilità di avere i rivestimenti in Alcantara e pelle che riveste anche la corona del volante e il pomello del cambio. Nuova anche la tinta argento per le cornici intorno alle bocchette di aerazione, il tachimetro e il contagiri. Inalterata invece la dotazione di sicurezza che prevede 2 o 4 airbag a seconda degli allestimenti e impianto frenante misto con ABS.

I motori rimangono Euro4 con il raffinato 3 cilindri mille da 68 CV che passa a consumare da 4,6 litri/100 km a 4,4 litri/100 km e ad emettere 106 g/km di CO2 invece di 109 g/km. Con il cambio robotizzato, i consumi dichiarati rimangono gli stessi, ma salgono di un niente le emissioni a 107 g/km di CO2. Nessuna variazione invece per l'altro motore, il Diesel 4 cilindri di 1,4 litri da 54 CV (4,1 litri/100 km e 109 g/km di CO2) disponibile solo con cambio manuale a 5 rapporti. A questo proposito, Peugeot afferma di aver migliorato l'isolamento dal rumore e dalle vibrazioni, non certo da riferimento, lavorando sui materiali e sulle frequenze più basse. Un altro miglioramento riguarda infine l'accesso al vano di carico che contiene 137 litri fino alla cappelliera e 751 litri con i sedili abbattuti.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Peugeot


Top