dalla Home

Curiosità

pubblicato il 28 ottobre 2008

BMW CAR-2-CAR

Anche il costruttore bavarese crede nelle comunicazioni "da auto ad auto"

BMW CAR-2-CAR

BMW ha annunciato che la piattaforma di comunicazione fra veicoli CAR-2-CAR (traducibile come "da auto ad auto") potrebbe entrare a far parte, in un prossimo futuro, delle dotazioni di bordo delle vetture prodotte a Monaco di Baviera. La tecnologia CAR-2-CAR, sostenuta e sviluppata dall'omonimo consorzio europeo fra BMW, Audi, Daimler, Renault, Fiat, Honda, Opel, Volvo e Volkswagen, permetterebbe lo scambio di informazioni continuo e in tempo reale fra veicoli, con segnalazioni di allerta audio e video destinate al guidatore.

Come nel caso di altri sistemi analoghi già in fase di sperimentazione presso differenti costruttori (vedi i nuovi servizi Nissan), anche la rete CAR-2-CAR permetterà di mantenere un collegamento costante fra le auto in circolazione, facendo in modo che qualsiasi comportamento anomalo dovuto ad incidenti o condizioni critiche della circolazione venga segnalato alle vetture vicine, onde allertarne i guidatori circa possibili pericoli.

Le applicazioni di un simile sistema "neurale" della circolazione sarebbero veramente infinite e spazierebbero dalle segnalazioni sui tratti di strada scivolosa, sulle condizioni di nebbia, pioggia e neve, sulle strade bloccate, sugli ingorghi e sugli incidenti stradali, il tutto attraverso segnali sonori e un piccolo display proiettato direttamente sul parabrezza. Il grande vantaggio di questa tecnologia è di essere già nato all'interno di un ampio consorzio di aziende europee, tutte mirate alla realizzazione di un unico standard di trasmissioni Wi-Fi per la massima compatibilità di applicazione e sviluppo.

In questa prima fase di messa a punto si stanno definendo le basi tecniche del protocollo di trasmissione dati della LAN senza fili e BMW ritiene che il CAR-2-CAR potrà aver successo solo se la piattaforma verrà sviluppata secondo standard e interfacce comuni, oltre ad utilizzare un'unica frequenza radio per lo scambio di dati. Anche la recente decisione dell'Unione Europea di assegnare la frequenza dei 5.9 GHz alle trasmissioni di dati fra veicoli potrebbe rendere più vicina la realizzazione di una tecnologia comune e possibilmente diffusa come primo equipaggiamento sul maggior numero di auto.

Autore:

Tag: Curiosità , Bmw


Top