dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 ottobre 2008

Alfa Romeo in USA: debutto posticipato di 2 anni

La crisi dei mercati frena le ambizioni del Biscione

Alfa Romeo in USA: debutto posticipato di 2 anni

Alfa Romeo frena sull'ambizioso programma di ritornare in America. Colpa della crisi economica mondiale, che sta ridimensionando pesantemente anche lo scenario automobilistico, preoccupato di salvaguardare la propria esistenza con drastici programmi di contenimento. In questa situazione, il Gruppo Fiat ha deciso di posticipare al 2011 il debutto sul mercato d'oltreoceano previsto per il tardo 2009. Sergio Marchionne, AD del Lingotto, ha detto che "sarebbe semplicemente folle ripresentarsi sui listini americani in una simile situazione di depressione del mercato".

Per il Gruppo Fiat si tratta di rendere l'operazione fattibile sul piano dei costi. L'unica soluzione, in tal senso, appare quella di costruire le vetture direttamente in loco. A tal proposito, è noto che sono da tempo avviati colloqui con importanti aziende americane per avere disponibilità dei loro impianti di produzione: non ultimi Ford, General Motors e Chrysler. Dal punto di vista geografico, ogni possibilità è al vaglio: dal Canada agli Stati Uniti o Messico. Ma sembra che, almeno fino alla prossima estate, ogni verifica circa la realizzazione del progetto sia stata temporaneamente congelata in attesa di sviluppi sulla situazione del mercato.

Tirano comunque un sospiro di sollievo i fortunati che, attraverso la rete Maserati, sono riusciti ad accaparrarsi qualche esemplare dell'8C Competizione. Segno che al di là dell'Atlantico ci sono molti appassionati che attendono con impazienza di acquistare un'Alfa.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Mercato , Alfa Romeo


Top