dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 21 ottobre 2008

Da Nissan nuovi servizi per la sicurezza

Informazioni in tempo reale su scivolosità e praticabilità delle strade

Da Nissan nuovi servizi per la sicurezza

Nissan ha annunciato l'avvio della fase di test in Giappone per due nuovi servizi dedicati alla sicurezza stradale. Entrambi i sistemi sono rivolti agli utenti del servizio telematico di navigazione CARWINGS, e sono capaci di conoscere in anticipo i tratti di strada più scivolosi e vedere attraverso immagini lo stato di transitabilità e le condizioni meteo su alcuni passi montani nipponici.

Il primo servizio ad essere testato da novenbre è il "road-cam" che offre la possibilità di visualizzare all'interno del display del sistema CARWINGS le immagini in tempo reale provenienti da telecamere fisse montate nei principali passi dell'Hokkaido, solitamente interessati da precipitazioni nevose e gelate. Ogni quarto d'ora il monitor di bordo mostra nuove immagini fornite dal CERI (Civil Engineering Research Institute for Cold Region), un istituto giapponese per la ricerca sulle fredde regioni del nord, trasmesse con un nuovo protocollo XML denominato RWML (Road Web Markup Language).
In questo modo ogni automobilista può conoscere con buon anticipo lo stato di praticabilità delle strade di montagna che sta per affrontare, sicuro di potersi basare su dati reali e informazioni attendibili.

Il secondo servizio che partirà a dicembre si basa sulla ricezione in auto di informazioni d'allerta riguardanti i tratti di strada scivolosa, tramite segnalazioni visive che appaiono sulla mappa del navigatore satellitare. In fase di avvicinamento ad un tratto di strada sdrucciolevole il conducente viene avvertito del pericolo sul monitor e da una voce, in modo che possa rallentare per tempo e prendere le precauzioni del caso. Le informazioni riguardanti questi tratti stradali a bassa aderenza si basano sull'unione di dati storico-statistici relativi a incidenti e segnalazioni e dei dati raccolti in tempo reale sull'attivazione dell'ABS nelle vetture collegate al sistema.

In questo modo, ogni volta che un utente del servizio si trova ad effettuare una frenata d'emergenza che attiva il sistema anti-blocaggio dei freni, l'informazione viene inviata al sistema centrale di raccolta dati che provvede a individuare tramite le coordinate GPS il punto esatto della frenata, a confrontarlo con i dati in archivio e a segnalarne la potenziale pericolosità.
La fase di sperimentazione su ampia scala e con prospettive di commercializzazione segue i primi test effettuati nel novembre 2007 su 100 veicoli nell'area di Sapporo; questi hanno dimostrato come gli automobilisti fruitori del servizio tendano a fare più attenzione alle condizioni del fondo stradale, indipendentemente dai segnali d'allerta.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Nissan , sicurezza stradale


Top