dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 14 ottobre 2008

Il futuro sportivo di Alfa Romeo, secondo lo IAAD

A Torino la mostra "Fatti di Design"

Il futuro sportivo di Alfa Romeo, secondo lo IAAD
Galleria fotografica - Le future Alfa secondo gli studenti dello IAADGalleria fotografica - Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 1
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 2
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 3
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 4
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 5
  • Le future Alfa secondo gli studenti dello IAAD - anteprima 6

Questo weekend ha avuto luogo in Piazza Palazzo a Torino la mostra "Fatti di Design", un'esposizione che rientra nell'ambito di "Torino World Design Capital 2008". Con l'occasione sono stati festeggiati due compleanni: i 40 anni dell'Italdesign di Giorgetto Giugiaro e i 30 anni dello IAAD, Istituto d'Arte Applicata e Design. Erano presenti alcuni prototipi e veicoli di serie legati al nome di Giugiaro: BMW Nazca C2, Lucciola, Lamborghini Calà, Alfa Romeo Brera (prototipo e versione di serie), Fiat Grande Punto, Ferrari GG50, Mustang by Giugiaro e Iveco Massif; in più, sono stati mostrati alcuni progetti innovativi, in particolare sul tema dell'arredo urbano, proposti in collaborazione tra Giugiaro Design e IAAD. Gli studenti dello IAAD, per parte loro, sono stati protagonisti di un'esposizione dedicata alle tesi del Bachelor in Transportation design 2007-2008, svoltosi con la partecipazione di Alfa Romeo, sul tema "Next generation": la prossima generazione di sportive del Biscione.

I risultati, parte dei quali illustrati nelle immagini, sono decisamente interessanti: le future Alfa Romeo sportive immaginate dagli studenti hanno design d'avanguardia, pur restando stilisticamente ben identificabili come prodotti del marchio, e propongono un'idea di sportività legata alla "leggerezza" strutturale e alla guida divertente, seppure in forme diverse. La concept Essenza, ad esempio, rappresenta un tentativo di "estremizzare" le idee già esposte con l'Alfa Brera, grazie ad una carrozzeria abbastanza tradizionale, ma che si "avvolge" ancor di più attorno ai grandi cerchi forati.

La concept Strada propone invece una struttura composta da una cellula centrale, dalle dinamiche linee ondulate, e da vari elementi ad essa collegati in modo coerente. Anima è una divertente ed essenziale roadster impostata su un telaio hi-tech, mentre Summa propone una curiosa struttura a metà tra un'auto e una moto, dove il disegno complessivo è definito da pieni e vuoti e con una moderna "cellula" a tre posti completamente avvolta dalla superficie vetrata. Proprio quest'ultimo progetto è diventato un modello in scala 1:4, ed è stato mostrato in anteprima alla mostra "Dream: l'auto del futuro dal 1950" a Torino Esposizioni, accanto ad una suggestiva Ducati del futuro, realizzata sempre dagli studenti dello IAAD.

Queste auto diventeranno realtà? Probabilmente no, anche se forse i designers delle prossime Alfa Romeo potranno tenerne conto per cogliere idee e suggestioni...

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , Alfa Romeo , car design , concorsi


Top