dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 13 ottobre 2008

"La strada che parte da Roma"

Fino al 10 gennaio una mostra sulla storia della mobilità e la sicurezza stradale

"La strada che parte da Roma"

Proprio come un giornale, un canale televisivo o una pagina web, anche la strada può essere considerata uno strumento di comunicazione. Lo sapevano bene gli antichi romani che, per garantire la vita dell'Impero, lo avevano collegato con strade ancora oggi utilizzate. Da qui lo spunto per narrare l'evoluzione della mobilità nei secoli a cui è dedicata una mostra gratuita allestita a Roma presso la Biblioteca Nazionale di Viale di Castro Pretorio dal titolo "La strada che parte da Roma", aperta da oggi (la giornata europea dedicata alla sicurezza stradale) fino al 10 gennaio.

La mostra - promossa dalla Biblioteca Nazionale, dalla Polizia di Stato, dal Ministero delle Infrastutture e dei Trasporti, con la collaborazione di Anas e ANIA - propone un percorso di tipo storico-documentario ricco di materiale di vario genere. L'itinerario si snoda attraverso sette sezioni. Il punto di partenza sono le porte, le prime strade e gli antichi sentieri, poi si passa all'introduzione dei vari codici, nonché all'area dedicata alle carte e alle guide utilizzate dai viaggiatori tra XVII e XIX secolo.

Le vie dei santi e dei pellegrini sono state illustrate in una sezione a parte, così come i primi racconti di viaggio in automobile scritti nel novecento. Più legate al tema della sicurezza stradale sono le sezioni sulle strade, i briganti e le brigantesse. Si va dall'origine del problema attraverso il riferimento al fenomeno storico del brigantaggio del XIX secolo, fino ad arrivare all'area riservata alle moderne campagne sulla sicurezza stradale della Polizia di Stato ed il Ministero dei Trasporti.

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top