dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 ottobre 2008

Premiati i vincitori del 5° Concorso di Design Peugeot

Al primo posto la “RD concept”, realizzata da Torres Tovar

Premiati i vincitori del 5° Concorso di Design Peugeot
Galleria fotografica - "RD concept” vince il 5° Concorso di Design PeugeotGalleria fotografica - "RD concept” vince il 5° Concorso di Design Peugeot
  • \
  • \
  • \
  • \
  • \

Li avevamo lasciati in dieci, pronti ad affrontare l'ultima fase del 5° concorso di Design Peugeot. All'apertura del Salone di Parigi è finalmente giunto l'atteso verdetto: la migliore realizzazione di vettura per le megalopoli del futuro è stata giudicata la Peugeot RD, "inventata" dal 25enne colombiano Carlos Arturo Torres Tovar, che ha ricevuto dal direttore generale di Peugoet, Jean-Philippe Collin, il trofeo "La Griffe", un assegno di 10.000 euro e una console Xbox, mentre la RD concept sarà presentata in scala 1:1 al Salone di Shangai 2009 e realizzata come modello di serie in scala 1/43 da parte della Norev.

Al secondo posto, la Peugeot Ego di Emre Yazici (45 anni, Turchia), mentre la terza piazza è conquistata da un progetto che segnalammo fin dalla prima fase del concorso: la Peugeot OXO, del cinese Lou Ke (22 anni).

La concept RD ha vinto per una serie di fattori, a cominciare dalla curiosa architettura: è infatti una tre ruote costituita da due sezioni imperniate tra loro al centro, che garantiscono ottima tenuta di strada - grazie anche agli enormi pneumatici - e ottima guidabilità nella circolazione urbana. L'abitacolo è ad un solo posto molto luminoso, grazie al parabrezza panoramico; non mancano sistemi di navigazione e di guida elettronici, come pure un ecologico motore elettrico. Una sorta di sintesi tra scooter e berlina, con i vantaggi di entrambi, e la possibilità di garantire anche un buon "piacere di guida".

Piazza d'onore per la Ego, altra monoposto individuale, leggerissima (un quarto di una vettura di impianto tradizionale) ed ecologica, grazie al motore elettrico. Ha soltanto due ruote e una disposizione a sviluppo verticale che permette una facile accessibilità (con una curiosa portiera che si "avvolge" in alto entro un vano cilindrico); l'ampia superficie vetrata consente di vedere ottimamente in ogni direzione, mentre la struttura dell'abitacolo garantisce la necessaria sicurezza. Il veicolo si guida mediante un joystick e le sue ruote hanno movimenti indipendenti, permettendo una rotazione di 360°.

Infine, la concept OXO, originariamente chiamata x0x per allinearsi alle denominazioni tradizionali Peugoet, con lo "zero" al centro... Il nuovo nome è però più indicato per descrivere l'architettura del curioso veicolo, una sorta di telaio estensibile "a X" che sostiene i vari elementi, quasi fluttuanti: due "cabine" chiuse separate, le quattro ruote (girevoli in ogni direzione), la trasmissione elettrica. Attraverso un sistema denominato "Peugeot Phone", l'autore ha previsto anche un sistema di guida completamente automatico, per godersi il paesaggio senza stress.

Premiati anche i visitatori del sito dedicato al concorso che hanno decretato la classifica. Tra gli oltre 600.000 visitatori ne sono stati estratti 20 che riceveranno una consolle XBox 360.

Galleria fotografica - 5° Concorso di Design Peugeot: i finalistiGalleria fotografica - 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 1
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 2
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 3
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 4
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 5
  • 5° Concorso di Design Peugeot: i finalisti - anteprima 6

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Peugeot , parigi


Top