dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 8 ottobre 2008

Ssangyong C200 Concept

A Parigi l'anteprima del nuovo SUV compatto coreano

Ssangyong C200 Concept
Galleria fotografica - Ssangyong C200 Concept Galleria fotografica - Ssangyong C200 Concept
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 1
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 2
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 3
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 4
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 5
  • Ssangyong C200 Concept  - anteprima 6

Al Salone di Parigi 2008 ha fatto la sua apparizione anche la Ssangyong C200 Concept, un modello che propone nuovamente la formula della sport utility "crossover", ma questa volta collocata alla base della gamma, con dimensioni inferiori ed un comportamento più "efficiente" rispetto alle attuali Kyron e Actyon, sopratutto in termini di ecologia ed economia di esercizio.

DESIGN "SOBRIO"
La C200 colpisce innanzi tutto per la sua linea, non anticonvenzionale: nessuna concessione ad effetti inconsueti presenti in altre Ssangyong, ma una forma sobria, rassicurante, aerodinamica e molto "europea". In particolare, si segnala il frontale, che sarà la base per il nuovo "family feeling" del marchio: logo circolare al centro in bella evidenza, mascherina trapezoidale (in questo caso, con griglia a nido d'ape), fari avvolgenti e dalle forme decise (quasi in stile Land Rover), con l'impiego dell'ormai immancabile tecnologia a LED; un po' più singolare la coda, con gruppi ottici a LED dalla forma appuntita verso l'interno, ma con un'architettura che richiama altri modelli della stessa categoria. L'aspetto generale, in ogni caso, è quello di un SUV piuttosto slanciato, grazie anche a linee tese, passaruota ampi - con "piega" nella fiancata in corrispondenza di quello posteriore, linea di cintura alta e tetto rastremato: da notare il passo generoso (2,64 metri) in rapporto alla lunghezza, non eccessiva per il tipo di vettura (4,4 metri).

TELAIO MONOSCOCCA
La piattaforma della C200 Concept è del tutto nuova, e decisamente più moderna rispetto agli altri veicoli della gamma: Ssangyong adotta infatti un telaio monoscocca, dalle caratteristiche più "automobilistiche", seppure abbinato alla trazione integrale a controllo elettronico (ma ci sarà anche una versione a trazione anteriore). Il motore è un turbodiesel 2.0 da 175 CV che rispetta la normativa Euro5, del quale non si conoscono ancora i dettagli in termini di prestazioni e consumi; il cambio è manuale, a 6 marce. Da notare l'impiego di materiali leggeri per molte delle parti meccaniche, a testimonianza del fatto che ormai la riduzione dei pesi, per garantire una migliore efficienza, è una tappa obbligata per ogni tipo di vettura di nuova progettazione.

La C200 è ancora una concept car; la versione di serie, che molto probabilmente avrà un nome diverso, potrebbe arrivare sul mercato italiano entro la fine del 2009 e dovrà vedersela con rivali del calibro di Toyota RAV4, o Volkswagen Tiguan, ma con un prezzo presumibilmente concorrenziale.

Galleria fotografica - Ssangyong al Salone di Parigi 2008Galleria fotografica - Ssangyong al Salone di Parigi 2008
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 1
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 2
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 3
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 4
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 5
  • Ssangyong al Salone di Parigi 2008 - anteprima 6

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , Ssangyong , parigi


Top